Home Storie Marco Giallini, quell’incidente lo ha lasciato in fin di vita

Marco Giallini, quell’incidente lo ha lasciato in fin di vita

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:18
CONDIVIDI

L’attore Marco Giallini ha fatto una confessione choc. Un grave incidente l’ha travolto mettendo in serio pericolo la sua vita. 

Marco Giallini moglie
Marco Giallini

Marco Giallini, questa sera sarà protagonista nel film “Non ci resta che il crimine” in onda in prima serata su Rai 1. Con la regia di Massimiliano Bruno un cast gremito di attori di grande fama italiana: Giallini, Alessandro Gassman, Edoardo Leo, Ilenia Pastorelli, Massimiliano Bruno e Gianmarco Tognazzi. La storia narra le vicende di tre amici che decidono di organizzare un Tour Criminale di Roma nei luoghi che furono segnati dalle gesta della Banda della Magliana. Ma all’improvviso vengono catapultati negli anni ’80, durante i Mondiali di Spagna, trovandosi così faccia a faccia con alcuni criminali della Banda. Ma scopriamo quel tragico evento che ha colpito Giallini.

LEGGI ANCHE —> Marco Giallini lutto, quella morte dolorosa non l’abbandona mai

Marco Giallini, il drammatico incidente in moto

Marco Giallini moglie
Marco Giallini

L’attore tempo fa mentre era in moto ha rischiato di morire. L’uomo infatti fu coinvolto in un incidente che stava per costargli la vita. Era novembre quando accadde l’impensabile. Marco era a bordo della sua moto, quando una macchina che lo precede sfiora il paraurti di un camion e si ribalta, prova ad evitare la macchina ma due secondi dopo arriva il colpo. L’attore ha dichiarato che in quel momento si è visto la morte avanti gli occhi, ha visto tutta la sua vita passare avanti. Una volta riaperti gli occhi si è accorto di avere tutto il corpo in mille pezzi, più di cinquanta fratture ha riportato. In stato di trance ha confessato di aver immaginato delle persone che gli parlavano.

LEGGI ANCHE —> Marco Giallini, chi sono i figli? Dopo la sofferenza arriva una soddisfazione 

Steso sull’asfalto gli apparvero Sabrina Ferilli, al quale preoccupato lui le diceva: “E adesso come facciamo a recitare insieme tra pochi giorni?“, e anche un infermiere che gli ripeteva: “Ma tu non sei l’attore? Mi raccomando, non addormentarti“. Fortunatamente l’attore ha recuperato in soli tre mesi e poi subito l’abbiamo visto nel film “Romanzo Criminale“. Un gravissimo colpo per Giallini che è riuscito a riprendersi al meglio grazie alla sua forza e determinazione.