Home Storie Isabella Ferrari, il racconto straziante: “Ho sofferto di una malattia rara”

Isabella Ferrari, il racconto straziante: “Ho sofferto di una malattia rara”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:26
CONDIVIDI

Isabella Ferrari racconta il suo tragico periodo che ha dovuto affrontare a contatto con una rara malattia. Di cosa stiamo parlando?

Isabella Ferrari e Valeria Golino

L’attrice oggi protagonista nel film “Euforia” regia di Valeria Golino, in onda stasera in prima serata su Rai Movie. Il film vede accanto alla figura di Isabella Ferrari, quella di Riccardo Scamarcio e Valerio Mastandrea. Ecco la drammatica notizia che ci ha rivelato la bellissima attrice. Una diagnosi che ha spaventato tutti. I fan sono preoccupatissimi.

LEGGI ANCHE —> Renato De Maria marito Isabella Ferrari: un traguardo importante

Isabella Ferrari, quel grave dolore che ha affrontato

Isabella Ferrari

Qualche anno fa accadde una brutta avventura all’attrice. Mentre si stava alzando dal letto per iniziare una nuova giornata le gambe si sono immobilizzate. Da quel momento ha avuto inizio il calvario delle visite. Ma il problema sorge quando tutte le diagnosi si dimostrano sempre sbagliate. Una patologia rara che la Ferrari non ha voluto rivelare il nome. A questa diagnosi è seguita la cura del medico, il quale ha tenuto a dirle che la terapia che doveva seguire probabilmente non avrebbe fatto effetto. Ecco che Isabella decide di non seguirla, parte così alla volta di Pantelleria. Ma dopo pochi giorni la situazione precipita ed eccola di nuovo ricoverata in ospedale. Ora come sta la Ferrari?

LEGGI ANCHE —> Isabella Ferrari non ha paura del tempo che passa

L’attrice ha dichiarato che per sentire meno la sofferenza durante il periodo di ricovero chiamava i suoi figli su Skype, per essere ancorata ancora alla sua e alla loro vita. Dopo due anni di cure l’attrice è finalmente guarita, ora infatti è di uova pronta ad affrontare il mondo e a ritornare sulla strada della sua carriera. Oggi la vedremo più viva che mai nel film “Euforia” di Valeria Golino.