Home Storie Jane Fonda, quel tragico evento che le ha cambiato la vita

Jane Fonda, quel tragico evento che le ha cambiato la vita

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:45
CONDIVIDI

Jane Fonda, attrice statunitense, ha raccontato quel tragico evento del passato che le ha cambiato drasticamente la vita. Scopriamolo. 

Jane Fonda
Jane Fonda (Fonte: Getty Images)

Jane Fonda, stasera più in forma che mai, sarà protagonista nel film in seconda serata su Rai Movie dal titolo “Dalle 9 alle 5 orario continuato” diretto da Collin Higgins. Una commedia leggera e divertente in cui un uomo verrà messo alle strette da ben tre donne. Un film che rivendica il ruolo femminile, come la stessa attrice lo sta facendo da una vita intera. Eccovi svelato il tragico evento avvenuto nella sua infanzia. Un grande colpo per la piccola Jane.

LEGGI ANCHE —> Jane Fonda furiosa: “Non sono qui per parlarvi di chirurgia estetica”

Jane Fonda: “Non ho mai dimenticato quel giorno”

Jane Fonda
Jane Fonda (Fonte: Getty Images)

Ormai sono passati tantissimi anni da quel tragico giorno, ma l’attrice ci tiene a raccontarlo. Un evento che l’ha segnata indelebilmente. Quando era piccola Jane ha subito una violenza sessuale, dichiara di esser stata stuprata. Ecco perché adesso è un’attivista per le donne. Quel dolore e quella rabbia l’hanno portata a scendere in prima linea. L’attrice confessa che ha sempre pensato che la colpa del tragico evento fosse sua e che non era stata capace di dire no. Nel 2001 ha fondato il Jane Fonda Center, un organizzazione che si occupa di prevenire le gravidanze fra adolescenti. Perché a detta della Fonda molte ragazze che vengono violentate non pensano neanche che si parli di stupro. L’unico loro pensiero è che non sono state in grado di opporsi. Proprio per questo l’attrice è scesa in campo per far capire a tutte le donne che quello è uno stupro e non è colpa nostra.

LEGGI ANCHE —> J. Fonda: “Bulimia e chirurgia estetica sono state la mia droga per anni”

Secondo la personale esperienza di Jane ci sono voluti 60 anni per imparare a dire no. Purtroppo è cresciuta in una famiglia patriarcale e per giunta in un’epoca vittima di questa cultura. Una lezione meravigliosa che si spera possa essere pane per i denti per tutte le donne.