Home Personaggi Diana Poloni compagna Francesco Renga, quella dedica che dimostra tutto

Diana Poloni compagna Francesco Renga, quella dedica che dimostra tutto

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:27
CONDIVIDI

Diana Poloni compagna Francesco Renga: l’amore tra i due è finito sotto la luce dei riflettori. E ci sta un qualcosa che dimostra tutto.

Diana Poloni fidanzata Renga

Francesco Renga nelle ultime settimane è prepotentemente balzato nel corso delle ultime settimane. Il motivo è senza alcun dubbio il suo ruolo di giudice ad ‘All Together Now‘. Il cantante si sta mettendo in mostra per l’equilibrio nei suoi giudizi e per i tanti consigli che dà ai concorrenti. A far parlare però molto spesso è stata anche la sua vita privata e sentimentale. Ma che cosa si sa su quest’ultima? Ecco alcuni dettagli.

LEGGI ANCHE -> ‘All Together Now’, ecco tutti i cambiamenti di questa nuova edizione

Diana Poloni fidanzata Francesco Renga, ecco la dimostrazione del loro amore

Diana Poloni fidanzata Renga

L’artista è balzato agli onori delle cronache per il suo matrimonio con Ambra Angiolini. La loro love story si è chiusa oramai da tantissimo tempo, nonostante il loro rapporto sia rimasto cordiale e pacifico per il bene dei loro figli Leonardo e Jolanda. Ora però il buon Francesco è sentimentalmente legato a Diana Poloni. La loro relazione è sta ufficializzata 2019, attraverso un post Instagram, ma in realtà i due starebbero insieme dal 2015. Ma c’è qualche aneddoto interessante che riguarda i due? Sicuramente un dettaglio è tutto da raccontare.

LEGGI ANCHE -> Ambra Angiolini ex moglie Francesco Renga: la verità dopo tanti anni

Infatti è a lei che Renga ha dedicato la canzone con cui è stato protagonista al Festival di Sanremo 2019, ossia ‘Aspetto che torni’. Nel testo infatti ci sono parole molto dolci, dedicata a quella che è ora la sua dolce metà: “Per stare con te oggi voglio camminare come un treno sui binari, diventare un’emozione che attraversa i tuoi pensieri e seguirti tra le cose che ogni giorno devi fare… Come vento per poterti accarezzare (…)“. Una strofa che di certo non ha bisogno di ulteriori spiegazioni.