Home Storie Stanlio e Ollio, la loro morte rimane un mistero: il segreto mai...

Stanlio e Ollio, la loro morte rimane un mistero: il segreto mai rivelato

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:41
CONDIVIDI

Ormai sono passati tantissimi anni dal tragico evento, ecco che torna a galla il mistero della morte di Stanlio e Ollio. Scopriamolo.

Stanlio e Ollio

Il duo comico per eccellenza degli anni ’30 e ’40 ha messo un punto tantissimi anni fa. La loro è stata una fine che ha messo a tacere per sempre solo il loro corpo perché le loro anime, grazie ai capolavori che ci hanno lasciato, resteranno per sempre vive. Oggi grazie al film tributo dal titolo Stanlio e Ollio, con la regia di Jon S. Baird, rinasceranno e potremo godere, su Rai Movie alle 19.05, il biopic sulla loro vita. Dai toni divertenti e nostalgici rivivremo dei momenti salienti del cinema e del teatro. Gli attori che vestiranno i panni del duo comico sono rispettivamente Steve Coogan e John C. Relly. Ma ritorniamo al mistero che si cela dietro la loro morte.

LEGGI ANCHE —> Edoardo Pesce, Alberto Sordi: perché sono legati?

Stanlio e Ollio morte: quello che in molti non sapevano

Stanlio e Ollio

Il duo comico ha conquistato la fama mondiale con tantissimi cortometraggi e film. Sono nel 1926 i due attori decisero di unirsi e formare un duo grazie all’intuito del regista Hal Roach. Infatti la chiave del loro successo risiedeva nella loro diversità fisica: mentre Stan Laurel, ha costruito questo personaggio in grado di mettersi sempre nei guai, Oliver Hardy era la mente. Oggi infatti la morte dei due viene ricordata come una delle pagine più tristi della storia del cinema. Ma capiamo cos’è successo un attimo prima della loro morte. Oliver Hardy fu il primo a mancare, questo tragico lutto avvenne nel 1957. Un po’ di tempo dopo arrivò una notizia dal suo storico compagno di lavoro.

LEGGI ANCHE —> Valentino Picone voleva fare il comico? Da ragazzo studiò giurisprudenza

Stan Laurel da quel momento entrò anche lui in lutto e non ne uscì più. Infatti rifiutò tantissime proposte lavorative. Questa sua depressione portò l’uomo a cadere per sempre a terra otto anni dopo, il 23 febbraio del 1965. Un’enorme perdita per tutto il mondo, una mancanza ancora incombente nelle nostre vite.