Home Cinema Alessandro Gassmann, la malattia segreta con cui convive da tanti anni

Alessandro Gassmann, la malattia segreta con cui convive da tanti anni

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:04
CONDIVIDI

Alessandro Gassmann ci fa una rivelazione da rimanerne sbalorditi. Il celebre attore ha dichiarato di soffrire di una malattia. 

Alessandro Gassmann
Alessandro Gassmann

Questa sera su NOVE alle 21.35 andrà in onda “Trasporter Extreme“, il film del 2005 diretto da Louis Leterrier, che ha per protagonisti Jason Statham e Alessandro Gassmann, due interpreti molto amati dal pubblico, abituato a vederli al cinema, a teatro e in televisione. Un mestiere non facile quello dell’attore che deve continuamente fare i conti con la stress, l’instabilità e l’ansia. Alessandro infatti ci ha parlato proprio della malattia che gli ha procurato il suo lavoro. Scopriamola insieme.

LEGGI ANCHE —> Lutto per Alessandro Gassman, una morte che ha sconvolto tutti

Alessandro Gassmann, una lotta che continua tutt’oggi

Alessandro Gassmann (GettyImages)
Alessandro Gassmann (GettyImages)

Così ci racconta i suoi primi passi nel mondo dello spettacolo. Al contrario di come tutti ce lo immaginiamo Gassmann è sempre stato un ragazzo molto chiuso e riservato, si era iscritto ad agraria, ma poi gli è capitato questo. Sin da quando ha iniziato la carriera dell’attore non hai mai smesso di avere la paura e l’ansia del palcoscenico. Infatti ha ammesso che a teatro fa fatica ad entrare in scena, infatti ultimamente l’abbiamo visto dietro le quinte, nel ruolo di regista. Così ci racconta il suo approccio al cinema. Il padre, il mattatore Vittorio Gassmann, l’ha obbligato a fare l’attore. Probabilmente non era la strada giusta per il figlio, il quale nonostante tutti i successi riportati, continua a manifestare ansie e attacchi di panico. I fan sono preoccupati, ma li tranquillizza dicendo che grazie all’età sta migliorando.

LEGGI ANCHE —> Alessandro Gassmann travolto dalle critiche: scatta la polemica

Purtroppo per l’attore sono stati anni di lotta durissima contro questa depressione. Grazie al suo terapeuta che è entrato in cura dal 2003 le cose sembrano migliorare. Infatti con immensa gioia di tutti apprendiamo che finalmente sta bene e a detta sua “Era da tanto che non stavo così bene”. L’attore ha insistito nel raccontare la sua esperienza proprio perché spera possa servire a qualcuno.