Home Cinema Vittorio padre Alessandro Gassmann: una malattia terribile

Vittorio padre Alessandro Gassmann: una malattia terribile

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:50
CONDIVIDI

Si parla spesso, al giorno d’oggi, della depressione e delle tristi conseguenze a cui spesso porta. Quello di cui invece si parla ancora poco è la depressione bipolare.

Alessandro Gassmann
Alessandro Gassmann

In un lungo articolo sul giornale di psicologia, Solange Distefano Pozzuoli affronta il problema parlando nel dettaglio dei sintomi che caratterizzano la patologia. Tra i vari disturbi c’è anche una fase maniacale, che può manifestarsi con episodi piuttosto gravi e devastanti per l’individuo.

Leggi anche –> Alessandro Gassmann, paura in diretta: “Mi sento male”

Depressione Bipolare, ecco chi ne soffriva

Vittorio Gassman (Getty Images)
Vittorio Gassmann (Getty Images)

Tra i tanti colti da questo grave disturbo, il più noto per popolarità è senz’altro Vittorio Gassmann; il compianto attore era infatti un bipolare trattato da depresso, essendo una diagnosi all’epoca difficile da fare. Gassmann ha avuto il coraggio di parlare dei suoi stati depressivi, parlando di sensazioni che ad alti e bassi lo hanno privato piacere di essere vivo e di essere in grado di dimostrare amore alle persone che aveva intorno, anche alla sua famiglia. Spesso Gassmann ha ringraziato proprio i famigliari per avergli dato il coraggio di lottare contro la depressione, che però non sapeva essere bipolare.

I sintomi? In tal senso è importante parlare di anedonia, cioè l’incapacità di un individuo di provare piacere, in ogni tipologia di occasione, che passa per la quotidianità e arriva anche a momenti più intensi. L’anedonia è certamente uno dei sintomi più importanti di molti disturbi mentali.

Della depressione del padre ha parlato spesso anche l’attore Alessandro Gassmann, intervenuto in più occasioni per commemorare Vittorio nel corso di tantissime interviste.
Anche Alessandro ha confessato di essere affetto da depressione, come il padre, e che fu proprio lui a salvarlo dalla malattia e l’isolamento spingendolo verso la recitazione. Ancora oggi Gassmann ricorda di aver avuto bisogno di farmaci i primi tempi, perché le sensazioni che provava erano davvero forti e non riusciva a contrastarle.

Un male che per oggi Alessandro Gassmann tiene a bada e, anzi, questa sera avremo di nuovo il piacere di vederlo sul piccolo schermo con la fiction targata Rai1 Io ti cercherò.

Leggi anche –> Alessandro Gassmann, “Sono entrato in cura”: all’ospedale