Home Storie Mina, quella volta in cui decise di cambiare nome: ecco come si...

Mina, quella volta in cui decise di cambiare nome: ecco come si chiamava

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:56
CONDIVIDI

Mina Anna Maria Mazzini è una tra le più grandi cantanti del panorama italiano, ma non tutti sanno il suo nome d’arte. 

Mina
Mina (Fonte: Instagram ufficiale)

Stasera in finale a Tale e Quale Show “salirà” sul palco il personaggio di Mina interpretato da Lidia Schillaci. La celebre cantante, ora conosciuta con lo pseudonimo di Mina non è sempre stata chiamata così. Infatti l’inizio della sua carriera è stata segnata da un nome d’arte inglesizzato. Nel 1958 l’etichetta italiana Broadway pubblica il 45 giri di una cantante ancora in erba con un nome un po’ particolare e strano, scopriamo insieme qual è.

LEGGI ANCHE —> Iva Zanicchi in ospedale: la cantante si sta aggravando

Qual è il nome d’arte di Mina Anna Maria Mazzini?

Mina
Mina (Fonte: Instagram ufficiale)

Proprio all’inizio della sua carriera Mina usò come pseudonimo il nome Baby Gate, insolito per l’italianità della ragazza. Era un momento di ricerca, infatti in quello stesso periodo si cercò di capire quale dei due nomi potesse essere più popolare tra il pubblico.

Così furono pubblicati due 45 giri attribuiti a due pseudonimi diversi. Da una parte, con l’etichetta Broadway, sotto il nome di Baby Gate i due brani incisi sul 45 giri furono “Be-bop-a-lula” e “When“. Contemporaneamente Matalon, il fondatore della Broadway e Italdisc, pubblicò questa volta con l’etichetta Italdisc il debutto di Mina, un 45 giri con “Non partir” e “Malatia“. L’idea era di cercare di capre quale delle due identità, inglese o italiana, avrebbe avuto più successo. Quale vinse delle due?

LEGGI ANCHE —> Albano e il Covid, sui social minacce al cantante: la rivolta

Lo pseudonimo Baby Gate ebbe vita relativamente breve, Mina prese il sopravvento portandola a diventare la cantante italiana più popolare. Nel 1974 Mina volle pubblicare un album, presa dalla nostalgia del suo primo pseudonimo, infatti, pubblicò un intero album intitolato “Baby Gate”. In questo album inserì tutte le cover in inglese di brani anni ’50, eccetto Amorevole e Non so, cantate in italiano.