Home Cinema Massimo Boldi “costretto” a chiedere scusa: “Vi spiego tutto”

Massimo Boldi “costretto” a chiedere scusa: “Vi spiego tutto”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:00
CONDIVIDI
Massimo Boldi è tornato nel mirino delle critiche per alcune sue dichiarazioni. Ma ecco che sono arrivate immediate le sue scuse.

Massimo Boldi

Massimo Boldi è senza alcun dubbio uno dei personaggi più amati dal grande pubblico. L’attore, noto  per i suoi cinepanettoni con Christian De Sica, ultimamente è stato al centro di alcune polemiche. Insomma, certe sue dichiarazioni sono tutt’altro che piaciute e non possono certo esser passate inosservate. Ma che cosa è successo? Giusto entrare nel dettaglio e spiegare quanto è accaduto.

LEGGI ANCHE -> Massimo Boldi, quel ricordo fa male: “Operazione e folle corsa in ospedale”

Massimo Boldi chiede scusa: ma che cosa è successo?

Massimo Boldi oggi

L’uomo, che in una sua recente ospitata in tv è andata su tutte le furie, si è trovato nel mirino delle critiche per delle sue affermazioni fatte in calce al post dell’amico Paolo Conticini. Il tutto è legato alla partecipazione di quest’ultimo a ‘Ballando con le stelle’. Su Instagram l’attore aveva festeggiato l’ingresso in finale, postando una foto insieme alla ballerina Veera Kinnunen. Ed è proprio su quest’ultima che si erano concentrate le attenzioni di Massimo Boldi. L’attore ha fatto una valutazione estetica, un po’ troppo spinta della donna, con tanto di risate. Le reazioni e le condanne sono state molteplici.

LEGGI ANCHE -> Paolo Conticini, retroscena sulla sua vita privata: un uomo “misterioso”

Voleva essere un commento goliardico tra amici, ma ne è uscita una ‘presunta’ offesa. Chiedo scusa al genere femminile verso cui ho da sempre nutrito rispetto e affetto”: queste le scuse, arrivate sul suo profilo Facebook, dell’attore. Insomma, un modo per provare a mettere fine e a tacere le polemiche. Un’uscita infelice che ha comunque voluto spiegare.

Voleva essere un commento goliardico tra amici, ne è uscita una “presunta” offesa. Chiedo scusa al genere femminile verso cui ho da sempre nutrito rispetto e affetto.

Pubblicato da Massimo Boldi su Domenica 15 novembre 2020