Home Personaggi Selvaggia Lucarelli fidanzata Lorenzo Biagiarelli: “Ho smesso di soffrire”

Selvaggia Lucarelli fidanzata Lorenzo Biagiarelli: “Ho smesso di soffrire”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:37
CONDIVIDI

Selvaggia Lucarelli e Lorenzo Biagiarelli si confessano. Questa relazione ha regalato la gioia negli occhi di entrambi.

Selvaggia Lucarelli fidanzato

La coppia che si vede coinvolta da cinque anni non passa giorno che non si solidifichi il rapporto. Un amore vero quello tra la giornalista Selvaggia Lucarelli e lo chef Lorenzo Biagiarelli. Nonostante la discrepanza d’età, lei 46 anni e lui 30, l’amore tra i due va a gonfie vele. Ma come ha fatto Lorenzo a conquistare Selvaggia?

LEGGI ANCHE —> Fabrizio Corona contro Selvaggia Lucarelli: “Alimenti la macchina del fango”

Il segreto della relazione tra Selvaggia Lucarelli e Lorenzo Biagiarelli

Selvaggia Lucarelli fidanzato

La pazienza è stata quella carta giocata bene nella relazione. Selvaggia inizialmente non era molto propensa nel frequentare un uomo così tanto più giovane di lei. Lui è stato a forzare la mano mandandole una canzone dei Pooh dal titolo “Non restare chiuso qui, pensiero” modificandola inserendo nel testo il nome di Selvaggia. Questa canzone ha sancito l’inizio del loro grande amore. La giudice di Ballando con le Stelle dichiara che grazie a lui ha visto quella luce in fondo al tunnel per un tempo oscurata dalla presenza del suo ex fidanzato. Confessa la Lucarelli che quando ha conosciuto lui ha smesso di soffrire. Lorenzo è stato un’abile giocatore, in quanto non era semplice far dimenticare il passato turbolento della vita di Selvaggia. Una relazione tossica ha visto impegnata la Lucarelli per molto tempo. Oggi lo chef dice che non è affatto geloso di quell’uomo e non esprime belle parole a riguardo.

LEGGI ANCHE —> Selvaggia Lucarelli, “Cervello bruciato”: situazione molto delicata

La giornalista ringrazia la sua dolce metà per prendere tutto con una filosofia super ottimista. La sua felicità e la sua radiosità a volte mi danno fastidio, così conclude ironicamente Selvaggia.