Home Serie TV Leggendario! Ecco com’è nato il tormentone di Barney Stinson

Leggendario! Ecco com’è nato il tormentone di Barney Stinson

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:50
CONDIVIDI

Tra le poche certezze che hanno i fan di How I Met Your Mother ce n’è una: se c’è Barney Stinson la serata sarà leggen – non ti muovere – daria.

Barney Stinson
Barney Stinson

La serie, andata in onda dal 2005 al 2014 – con un finale che ancora divide il pubblico – è senz’altro indimenticabile tra le sit-com del nuovo millennio; momenti meravigliosi che vanno dal corno francese rubato all’avventura ad Atlantic City, fino ai momenti più commuoventi come il matrimonio di Marshall e Lily e via discorrendo nel meraviglioso viale dei ricordi. Ma una delle certezze in materia di vena comica l’ha sempre assicurata Barney Stinson, che anche solo con i suoi tormentoni è in grado di farci sorridere.

Leggi anche –> Barbara D’Urso, la verità dopo tanti anni: “Ecco il mio vero amore”

Barney Stinson: com’è nato il leggendario tormentone

Barney Stinson
Barney Stinson

Tra i tormentoni di Barney c’è sicuramente “leggendario” – al centro per altro di un episodio sui vizi dei protagonisti – di cui il personaggio abusa per descrivere ogni momento della sua vita e coinvolgere gli altri in avventure fuori di testa. Come dimenticare quella volta che Barney pretendeva di sostituire Marshall e Lily con due pericolosissimi russi che li hanno raggirati, convincendo il gruppo con il suo tormentone. Ma com’è nato?

Gli ideatori della serie – Carter BaysCraig Thomas – hanno ammesso che il merito non è loro; il tutto sarebbe nato per merito Chris Miller e Phil Lord, all’epoca sceneggiatori della serie, che hanno inserito il gioco di parole in uno dei primi episodi della serie. Quello che a noi infatti sembra solo un tormentone è in realtà un gioco di parole che ha a che fare con una delle prime frasi che Barney rivolge a Ted nel loro famoso primo incontro. In inglese la battuta suona più o meno così: “It’s going to be legend — wait for it and I hope you’re not lactose intolerant because the second half of that word is — dary!” che in italiano perde forza a causa dell’impossibilità di mantenere il suono nella traduzione; il gioco infatti consiste nella somiglianza tra la seconda parte parola – dary – e dairy (latticini in inglese). Insomma, una battuta davvero ben studiata che ha dato il via ad un autentico tormentone. Assolutamente leggen – lo sapete già!

Leggi anche –> Nicola Carraro, la dedica d’amore che tutti vorremmo ricevere