Home News Marco Pantani e il figlio mai nato: il dramma del ciclista

Marco Pantani e il figlio mai nato: il dramma del ciclista

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:30
CONDIVIDI

C’è un altro aspetto misterioso nella vita di Marco Pantani. Tutto pare esser legato a un figlio mai nato. Ma che cosa si sa in più?

Marco Pantani

Sedici anni di dubbi, polemiche e tanto altro. Può davvero essere riassunta così, in poche parole e con una semplice frase, la vicenda della morte di Marco Pantani. Le cause del decesso di colui che molto probabilmente è stato il ciclista più amato di tutti i tempi sono ancora, in un certo senso, avvolte nel mistero. Mamma Tonina non ha mai creduto all’ipotesi del suicidio. Ma c’è un’altra importante nella vita del corridore. Fin troppo chiaro il riferimento alla sua ex fidanzata Christina Jonsson.

LEGGI ANCHE -> Christina Jonsson ex fidanzata Marco Pantani: una lettera commovente

Marco Pantani, ennesimo dramma: il ciclista stava per avere un figlio?

Marco Pantani

I due si sono incontrati nell’inverno del 1995. La loro storia d’amore è durata sette anni, fatti di alti e bassi. La nostra storia non è finita come doveva finire. Non so come, ma non così”, ha dichiarato la danese in passato a ‘La Gazzetta dello Sport’. Ma c’è un aneddoto legato alla coppia, che è venuto nel libro scritto da sua madre, intitolato ‘Era mio figlio‘. Ma di che cosa si tratta? Giusto entrare nel dettaglio e dare una spiegazione.

LEGGI ANCHE -> Marco Pantani, com’è morto? Novità sulla causa del decesso

Christine era incinta, Marco era contento. Papà Paolo li guardò e per la prima volta dopo tre anni si sentì aprire il cuore. Un figlio forse era quello che ci voleva perché Marco capisse di dover cambiare vita. Christina però disse di non essere pronta, che voleva studiare, prendere il suo diploma di arte. Quando l’ha saputo lui è rimasto in silenzio e ha abbassato lo sguardo. Per lui è stata davvero una grandissima delusione“, queste le parole di mamma Tonina. Parole a cui fanno eco quelle di suo marito, il papà del povero Marco: “Sono convinto che sarebbe ancora qua. Ma quel bambino non nacque mai“. Dichiarazioni davvero toccanti.