Home Personaggi Christina Johnson fidanzata Marco Pantani, la commovente lettera

Christina Johnson fidanzata Marco Pantani, la commovente lettera

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:54
CONDIVIDI

Christina Johnson era la fidanzata di Marco Pantani, la donna in occasione dei 50 anni del Pirata gli ha dedicato una commovente lettera.

Marco Pantani

Com’è morto Marco Pantani? Questa la domanda alla quale cercheranno di rispondere Le Iene Show nella puntata in onda su Italia 1 a partire dalle ore 21,30.

La morte del campione del ciclismo è sempre stata avvolta dal mistero e sono tanti i quesiti che restano ancora irrisolti rispetto a quella terribile notte del 14 febbraio 2004.

Marco il 13 gennaio scorso avrebbe compiuto 50 anni e pochi giorni prima, Christina ha raccontato come è tornata in sella dopo la morte del Pirata.

Christina Johnson fidanzata Marco Pantani

Marco Pantani

Christina Johnson è la fidanzata di Marco Pantani, la donna ogni 14 febbraio, in occasione dell’anniversario della morte del campione, organizza una mostra per esorcizzare il dolore.

Lui era il Pirata del ciclismo, lei ballava sui cubi e non lo aveva mai sentito parlare di lui, era il 1995 e dalla prima volta che si sono visti hanno iniziato a pedalare insiemesette anni d’amore intensi e a tratti drammatici.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE-> Morte Marco Pantani, un mistero lungo 15 anni: omicidio o overdose?

“La nostra storia non è finita come doveva finire” ha raccontato Christina a La Gazzetta Dello Sport, pur ammettendo che la separazione con lui è stata necessaria: “Mi sono accorta che era davvero a rischio e stava mettendo a rischio la mia vita.”

Lettera commovente

“Ho perso la voce, il mio cuore, la ragione, il coraggio, il mio tutto da quando mi hai lasciato” ha scritto Christina in occasione del 50esimo compleanno di Marco Pantani.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE-> Figlio Marco Pantani: il segreto di un bambino mai nato

“La tua ultima partenza è stata per me come una grande caduta” ha continuato l’artista, aggiungendo qualche frase più sotto: ” Ho dovuto prenderti come esempio, ho dovuto battermi e mi batto ancora. Stringo i denti e pedalo.”

” Senza il tuo esempio, senza averti conosciuto, senza aver sentito il tuo respiro non credo che sarei riuscita a superare il lutto” prosegue la lettera, nella quale ammette di essere viva per miracolo“Perché la voglia di seguirti è stata forte.”