Home Personaggi Brandi e Kandi, Vite al limite: l’infanzia tra alcol e abusi delle...

Brandi e Kandi, Vite al limite: l’infanzia tra alcol e abusi delle gemelle

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:49
CONDIVIDI

Brandi e Kandi di Vite al limite sono due gemelle: nel loro passato c’è una storia triste di abusi e genitori alcolizzati: sono guarite?

Brandi e Kandi Dreier Vite al limite: risultato incertoBrandi e Kandi di Vite al limite sono due sorelle gemelle che hanno deciso di iniziare il percorso verso il dimagrimento insieme. Le due ragazze, 29 anni, erano arrivate a pesare rispettivamente 267 e 274 chili e hanno scelto di cambiare vita per sempre.

La condizione di obesità delle pazienti del dottor Nowzaradan è dovuta alla difficile infanzia che hanno avuto: quando erano piccole, infatti, sono state molestate da un amico dei genitori. L’uomo era uno spacciatore e frequentava la loro casa, mentre la madre delle ragazze era un’alcolizzata.

Questa condizione difficile ha fatto crescere Brandi e Kandi in modo che trovassero rifugio nel cibo, diventato la loro unica consolazione.

LEGGI ANCHE -> “La famiglia da un quintale” di Vite al limite, come stanno oggi?

Brandi e Kandi, Vite al limite ha cambiato loro la vita

kandi brandi vite al limite oggi
Kandi e Brandi

Pare proprio che le ragazze abbiano perso circa 100 chili a testa, tanto che necessitano di un intervento di rimozione della pelle in eccesso.

Il loro percorso, però, non è stato tutto rose e fiori; Kandi ha rischiato di morire, durante l’intervento di riduzione allo stomaco. La ragazza ha avuto un’embolia polmonare e un infarto sul tavolo operatorio, che ha costretto i medici a metterla in coma farmacologico per evitare danni cerebrali.

LEGGI ANCHE -> Lee e Rena, di Vite al limite: un amore pericoloso

Tuttavia, oggi la ragazza sta bene e si gode il dimagrimento ottenuto grazie ai sacrifici e a Vite al limite. Per quanto riguarda Brandi, sappiamo che l’operazione di rimozione della pelle in eccesso è stata rimandata, poichè nel 2019 ha dato alla luce un bambino.