Home Cinema Russell Crowe è morto? Paura dopo la caduta dalla montagna

Russell Crowe è morto? Paura dopo la caduta dalla montagna

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:13
CONDIVIDI

Un celebre e amato attore è capitolato da una montagna mentre si godeva il meritato riposo in Austria.

Russell Crowe (Getty Images)

“Impossibilitato a scrivere Tweet” scrive Russell Crowe, commentando la brutta caduta tra le montagne austriaco che lo ha visto coinvolto solo qualche giorno fa. L’attore è stato dato addirittura per morto, ma sembra che nel giro di poco abbia smentito la notizia, pur provando dolori fortissimi e non riuscendo a rassicurare maggiormente i fan. In seguito alla bufala molti fan si sono arrabbiati per l’indelicatezza di questo genere di fake news, sempre più comuni. Anche l’amato Gladiatore si aggiunge alla lista dei tanti artisti vittime di news di questo tipo.

Leggi anche –> Celebre attore ferisce un collega sul set: lo ha fatto apposta?

Russel Crowe è morto? La bufala che gira sul web

Montagna

Il caso di Russell Crowe, come abbiamo detto, è diventato sempre più comune; pare che ci siano delle persone che si divertono a diffondere questo tipo di notizie per allarmare i fan di data celebrità.

In tempi non sospetti è successo anche a Checco Zalone, nome d’arte di Luca Medici, la cui morte è stata annunciata nel 2018 in seguito ad un incidente stradale. In realtà Zalone non era nemmeno stata vittima di un incidente e si trattò di una notizia completamente inventata da capo a piedi.

In quel caso la notizia fu diffusa dalla pagina Il Messaggero; capita sempre più spesso, infatti, che alcuni creino questo tipo di siti che hanno un nome talmente simile alle testate famose da ingannare un occhio che scorre velocemente tra le notizie. Se di solito, però, si usano per fare degli scherzi innocenti, alla cui fine si capisce la natura stessa dell’articolo, in questo caso si è andati a colpire l’emotività dei tantissimi fan che seguono l’attore.

Leggi anche –> Emma Marrone, grossi sacrifici: “Ci penso tutti i giorni”

Niente di troppo diverso da quello che è successo a Russel Crowe, anche se in questo caso finte testate giornalistiche non c’entrano. In ogni caso il consiglio è sempre di leggere attentamente il nome della fonte e di cercare ulteriori notizie prima di farsi prendere dal panico.