Home Personaggi Adam Driver, prima di diventare attore un lavoro particolare

Adam Driver, prima di diventare attore un lavoro particolare

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:59
CONDIVIDI

Classe 1983, ex volontario nel corpo dei Marines degli Stati Uniti, Adam Driver è un uomo dalle mille risorse e, soprattutto, tra gli attori più richiesti del momento.

Adam Driver
Adam Driver

Dopo i primi successi a Broadway, approda in televisione con la serie Girls e al cinema con Lincoln di Steven Spielberg. Ma la notorietà arriva quando J.J. Abrams lo sceglie per il ruolo di Kylo Ren nella nuova trilogia di Star Wars.

Adam Driver, un’imprevedibile ma fortunata carriera

Ciò che colpisce di Adam Driver è come sia arrivato alla recitazione. Come anticipato è stato un Marines, ma poco prima di essere inviato in Iraq ha subito una serie di infortuni che lo costrinsero al congedo.

Tornato a vestire i panni civili, Adam tornò alla sua prima passione; al liceo, infatti, aveva recitato in diversi spettacoli e decise d’iscriversi al corso di arte drammatica della Juillard School di New York.

Adam Driver in Star Wars
Adam Driver in Star Wars

Da quel momento i successi dell’attore non si contano più; sarà scelto da Gilliam per L’uomo che uccise Don Chisciotte e da Spike Lee per BlacKkKlansman, ruolo che gli varrà la candidatura agli oscar come miglior attore non protagonista. Di recente è stato protagonista di Storia di un Matrimonio, lo struggente dramma di Noah Baumbach, grazie al quale porta a casa nuovamente una candidatura, questa volta come attore protagonista.

Leggi anche –> La nuova trilogia di Star Wars sarà curata dagli showrunner del Trono di Spade

La vita privata

Adam Driver è un uomo molto riservato e scarseggiano sia le informazioni sulla sua vita privata, sia i gossip. Tutto quello che sappiamo dell’affascinante attore è che nel 2013 si è sposato con Joanne Tucker e che i due hanno avuto un figlio, la cui nascita è stata taciuta alla stampa proprio per motivi di riservatezza. L’attore, però, è anche molto attivo nel sociale e nel 2008 ha fondato un’associazione no profit che mette in scena opere teatrali per i militati e i veterani, chiamata Arts in the Armed Forces.