Home Personaggi Giuseppe Drommi ex marito Patrizia De Blanck: una fine terribile


Giuseppe Drommi ex marito Patrizia De Blanck: una fine terribile


ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:30
CONDIVIDI

Giuseppe Drommi è stato il marito di Patrizia De Blanck. Ma che cosa si sa sul suo tragico destino? La sua fine è stata terribile.

giuseppe drommi marito patrizia de blanck

Patrizia De Blanck è senza alcun dubbio una delle protagoniste più attese della nuova edizione del ‘Grande Fratello Vip’, che prenderà il via proprio nella serata odierna. Dopo tante chiacchiere, indiscrezioni e voci di un possibile rifiuto, la contessa alla fine varcherà la porta rosa e sarà tra gli inquilini della Casa più spiata d’Italia. Verrà fuori il suo personaggio eccentrico e molto particolare? La risposta non può che essere, basandosi sulle sensazioni, affermativa. C’è però una storia, legata al suo passato, che in pochi conoscono.

LEGGI ANCHE -> ‘Grande Fratello Vip’, ecco tutti i concorrenti: tante le sorprese

Giuseppe Drommi ex marito Patrizia De Blanck, il suo tragico destino

patrizia de blanck

Il riferimento è alla sua vita privata e sentimentale. La donna infatti, nel lontano 1971, è convolata a nozze con Giuseppe Drommi, all’epoca console di Panama. L’amore tra i due è stato un qualcosa di vero, forte e passionale. Il barone però, dopo 28 anni di matrimonio, è morto. A stroncarlo un tumore, che lo ha strappato alla famiglia e alla donna che l’ha sempre amato. I due hanno anche una figlia, Giada. Ed è proprio a quest’ultima che è legato un aneddoto raccontato dalla stessa contessa.

LEGGI ANCHE -> Patrizia De Blanck, la sua confessione colpisce tutti: l’ha detto davvero?

I 18 anni di mia figlia? Io glieli ho fatto fare a 16 anni. Un modo per farglieli festeggiare con il padre. All’epoca era già calato di trenta chili, perché stava per morire per il suo tumore. Allora ho detto non vedrà mai i 18 anni di Giada e allora ho trovato una scusa e ho messo insieme un ballo in cui ha indossato il mio vestito. Li ha festeggiati prima, due anni prima“, queste le parole della De Blanck. Parole che descrivono il dolore.