Home Cinema Blow Up, il film di Michelangelo Antonioni che ha cambiato la storia

Blow Up, il film di Michelangelo Antonioni che ha cambiato la storia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 6:00
CONDIVIDI

Blow Up di Michelangelo Antonioni ha cambiato inevitabilmente la storia del cinema italiano e non solo, questo perché ha portato delle innovazioni non di poco conto.

Blow Up
Blow Up

Uscito nel 1966 il film è il primo della trilogia americana del regista italiano. Ispirato al racconto Le bave del diavolo di Julio Cortazar trova nel cast David Hemmings che poi recitò anche con Dario Argento in Profondo Rosso, oltre a Vanessa Redgrave, Sarah Miles, John Castle e molti altri ancora. Artista completo e con grandissimo cuore Antonioni ha raccontato al mondo l’incomunicabilità di una generazione.

Leggi anche —> Il cinema di Michelangelo Antonioni

Blow Up, cosa ha portato alla storia del cinema?

Michelangelo Antonioni
Michelangelo Antonioni (Getty Images)

Blow Up è un film più semplice di quanto possa sembrare. Una foto sconvolge la vita di un fotografo di moda e diventa esempio per una ricerca. Un plot molto simile a quello che sarà lo splendido La Conversazione di Francis Ford Coppola con protagonista Gene Hackmann. Il finale, che non vogliamo spoilerare, viene studiato nelle università italiane come figlio della disillusione del nostro paese.

Quello che stupisce è un linguaggio decisamente all’avanguardia rispetto al tempo in cui è uscito nelle sale. Riesce infatti a rapire il pubblico grazie a uno studio dell’inquadratura e alla riflessione sull’immagine diegetica. L’approfondimento del nostro protagonista infatti rappresenta la volontà del cinema di andare a fondo anche nel più piccolo dei particolari. Per questo non si può che rendersi conto della grandezza del film.

Al di là di un cast straordinario e di un comparto tecnico da fare la differenza quello che colpisce è la semplicità con cui l’artista è riuscito a raccontare una storia che alla fine risulta essere di difficile comprensione. La personalità con la quale Antonioni muove la macchina da presa è sicuramente interessante e commuove. Il pubblico non può che rimanere incollato allo schermo dall’inizio alla fine del film stesso.