Home Personaggi Anna Foglietta è rifatta? La verità che tutti stavano aspettando

Anna Foglietta è rifatta? La verità che tutti stavano aspettando

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:28
CONDIVIDI

Anna Foglietta è un’attrice di successo, la cui carriera ha avuto inizio nel 2006. Ma tutta questa bellezza, è solo merito di madre natura?

Anna Foglietta
Anna Foglietta

Attrice cinematografica di un’espressività incredibile, caratteristica per la quale le sono stati assegnati anche diversi premi, è bellissima e ha anche tre figli. Nonostante questo ha un fisico perfetto, dunque i dubbi dei più scettici sorgono quasi spontanei nel chiedersi se la bella attrice sia tutta naturale.

Ebbene sì. Anna, tiene molto alla sua persona, ma non solo esteriormente, anche interiormente e lo dimostrano le interviste che personalmente ha rilasciato, spiegando come lei si prenda cura del suo aspetto.

Infatti si dedica alla cura personale con creme e trattamenti non invasivi che le permettono di essere sempre in perfetta forma. Pelle bella e capelli altrettanto belli sono il frutto del suo impegno verso se stessa. Sembra anche che non sia una fanatica di queste pratiche e che in realtà non sia neanche una narcisista che sente il bisogno di specchiarsi continuamente. Dice di averne abbastanza di quello che ha nel suo camerino.

Leggi anche –> Anna Foglietta: “non posso sopportare tutto questo”

Anna Foglietta, un percorso per essere una mamma migliore

anna foglietta
Anna Foglietta: Sanremo 2019, marito, figli e molto altro

L’attrice che ha conosciuto il marito Paolo su facebook, come racconta durante un’intervista a Caterina Balivo, è anche mamma di tre figli e in tante si sono chieste come avesse fatto a rimanere così in forma dopo tre gravidanze.

Leggi anche –> Paolo Sopranzetti, marito Anna Foglietta: chi è?

La sua spiegazione sta tutta nell’alimentazione e nello sport che non abbandona mai.

Inoltre, una cosa curiosa, è che Anna ha fatto tre lunghi anni di psicoterapia per riuscire a comprendere al meglio che tipo di mamma voleva e doveva essere e la conclusione è stata che ognuno dei suoi figli sarà libero di fare sacrifici per sé e non per l’intera famiglia, così che non esistano rimorsi o brutte emozioni all’interno del nucleo familiare.