Home Cinema Alessandro Gassmann polemico sui social: “Sicuri che funzionino”

Alessandro Gassmann polemico sui social: “Sicuri che funzionino”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:08
CONDIVIDI

Piccola polemica sui social network da parte di Alessandro Gassmann. Ma che cosa ha fatto e detto il noto attore? Non sono mancate le reazioni.

Alessandro Gassmann

Il nuovo aumento dei casi di Covid-19 è sicuramente e inevitabilmente uno degli argomenti che maggiormente sta tenendo banco negli ultimi giorni. Al di là delle tante positività dei vip, tra cui spicca, per esempio, quella di Aida Yespica, non stanno mancando le polemiche, come sempre accade in questi casi. A scatenare una discussione è stato il noto attore Alessandro Gassmann con un semplicissimo ma molto significativo tweet. Ma che cosa ha detto?

LEGGI ANCHE -> Antonella Mosetti è positiva: fan preoccupati per la showgirl

Alessandro Gassmann, il suo tweet scatena il web: cosa è successo

alessandro gassmann

“Ieri al ristorante mi misurano giustamente la febbre… 34,2: praticamente morto, un ramarro. Ma ‘ste macchinette sulla fronte funzionano sì? Andiamo tranquilli”, questo il pensiero, condito da ironia e ilarità, del romano. L’attenzione quindi viene posta sui termometri digitali utilizzati all’ingresso dei locali. Una sorta di vera e propria misura precauzionale adottata per contrastare il contagio. Gassmann però pone il dubbio sulla sua precisione e funzionalità. Ed ecco che il suo tweet ha scatenato molte repliche. Ma qual è stata l’opinione dei suoi seguaci?

LEGGI ANCHE  -> Nilufar Addati, tampone positivo dopo la vacanza: “Troppa spensieratezza in Sardegna”

C’è chi ha provato a dare qualche spiegazione, sottolineando come conta la distanza dalla fronte, mentre altri appoggiano i dubbi sollevati dal buon Alessandro. Ciò che è stato notato è che in alcun casi lo strumento misura temperature troppo alte, facendo inevitabilmente correre il rischio di identificare come potenzialmente positivo una persona sanissima, mentre altre volte le temperature sono eccessivamente basse. Insomma, la denuncia del figlio del grande Vittorio non è senza alcun dubbio un qualcosa di insensato. Resta però da chiedersi se è possibile trovare qualche soluzione a questa situazione.