Home Televisione Mario Moretti, l’intervista che sconvolse la tv

Mario Moretti, l’intervista che sconvolse la tv

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:42
CONDIVIDI

Mario Moretti è stato il capo storico delle Brigate Rosse. A far discutere è stata una sua intervista di molti anni fa, fatta da Sergio Zavoli.

Mario Moretti

Mario Moretti è senza alcun dubbio una delle figure più controverse della storia italiana. Si sta infatti parlando di uno dei capi storici delle Brigate Rosse. Pluri condannato all’ergastolo, è comunque in regime di semi libertà da un po’ di anni. Il suo nome è tra i principali artefici del sequestro dell’allora leader della Democrazia Cristiana Aldo Moro. Infatti, secondo le ricostruzioni, sarebbe stato lui a guidare il nucleo brigatista nell’agguato di via Fani. Qualcuno ritiene che sia stato anche l’esecutore materiale dell’assassinio. Ma c’è un qualcosa su di lui che fa ancora parlare. A che cosa ci si riferisce? A un’intervista che ha fatto discutere.

LEGGI ANCHE -> Michele Sindona, chi era il mandante dell’omicidio di Ambrosoli

Mario Moretti, ecco la sua intervista che ha fatto tanto discutere

Sergio Zavoli

Un’intervista datata 1990. A farla è stata proprio Sergio Zavoli, una delle firme che hanno fatto la storia del giornalismo italiano e che è scomparso proprio nella giornata di oggi. Un qualcosa che, soprattutto all’epoca, aveva fatto discutere e non poco. Il tutto era andato in onda nella trasmissione ‘La notte della Repubblica’.

LEGGI ANCHE -> Morte Sergio Zavoli, il giornalismo e il mondo della televisione in lutto

D’altronde Zavoli ha sempre fatto delle inchieste e delle interviste di un certo livello il suo vero e proprio marchio di fabbrica. Basti pensare a quanto successe in quel di Montecarlo con Felice Gimondi. Un’uomo che ha senza alcun dubbio fatto la storia e che lascerà un grandissimo ricordo in tutto il mondo dello spettacolo italiano. Impossibile per un personaggio così non scatenare e causare anche qualche polemica e discussione, proprio come accaduto con l’intervista a Mario Moretti. Ma certe cose sono comunque destinate a fare la storia.