Home Personaggi Sergio Zavoli, la sua grande amicizia con Federico Fellini: la sua ultima...

Sergio Zavoli, la sua grande amicizia con Federico Fellini: la sua ultima richiesta

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:47
CONDIVIDI

La scomparsa di Sergio Zavoli ha colpito tutto il mondo del giornalismo. Ma qual è il suo ultimo desiderio? C’entra il suo grande amico Federico Fellini.

Se ne è andato oggi, all’età di 97 anni, Sergio Zavoli. Quest’ultimo è stato uno dei nomi più importanti del mondo del giornalismo e della televisione italiana. La sua carriera e la sua storia parlano per lui e sono stati tanti i personaggi che, nelle ultime ore, hanno voluto ricordarlo e omaggiarlo. Ma c’è un qualcosa della sua vita che ora sta prepotentemente tornando d’autorità, anche perché è legato alla sua ultima richiesta. Ma di che cosa si tratta?

LEGGI ANCHE -> Hollywood in lutto, morta a 104 anni la star di Via col vento

Sergio Zavoli, la sua grande amicizia con Federico Fellini

Federico Fellini

Il riferimento è alla sua amicizia con Federico Fellini, uno dei registi più importanti nella storia del cinema italiano. A unirli è stata la città di Rimini, dove i due vivranno per l’eternità. Infatti l’ultimo desiderio del giornalista è sempre stato quello di esser sepolto accanto al suo grande amico. Un desiderio che, com’è giusto e normale che sia, sarà soddisfatto. Un gesto che non può che fare la storia e far capire il forte legame tra i due.

LEGGI ANCHE -> Federico Fellini e Alberto Sordi, il segreto della loro grande amicizia

Il loro meraviglioso rapporto è stato testimoniato dal fatto che è stato proprio Sergio Zavoli a pronunciare l’orazione funebre per il suo amico dopo la morte il 31 ottobre del 1993. Le sue sono state parole piene di stupore, ammirazione, tenerezza personale. Dichiarazioni che hanno fatto capire la grandezza di Fellini, che attraverso il cinema, ha regalato sogni e speranza. La loro amicizia è davvero una bella storia da raccontare e che ora trova il culmine nel fatto che i due saranno sepolti uno vicino all’altro in quella che è stata per loro una vera e propria casa: la città di Rimini.