Home News Carlo Verdone, “Palo della morte”: cosa è accaduto a Roma?

Carlo Verdone, “Palo della morte”: cosa è accaduto a Roma?

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:57
CONDIVIDI

Carlo Verdone partecipa alla cerimonia a Roma, ricevendo un omaggio dal Municipio  III della città, circondato dai fan. Si commuove e ringrazia.

Carlo verdone, "Un sacco bello"
Carlo verdone, “Un sacco bello”

Nonostante siano trascorsi 40 anni dall’uscita del celebre filmUn sacco bello”, musicato dal celebre Morricone, il palo della morte” rimane uno dei luoghi di incontro più conosciuti. Motivo per il quale il Municipio III di Roma ha organizzato una cerimonia in onore del film e del famoso artista Carlo Verdone, omaggiandogli una targa in ricordo del “palo della morte”. Un lampione con il simbolo del teschio dove nel film Enzo incontrava l’amico Sergio (Renato Scarpa) per pianificare un viaggio estivo in auto da Roma fino a Cracovia a caccia di belle ragazze. Un viaggio che rimarrà quasi un sogno di fuga dalle periferie desolate di Roma del 1980. Oggi questo palo non esiste più per via dell’ampliamento urbano della città, è proprio per questo che hanno pensato di posizionare una targa per far sì che il ricordo non svanisca nel tempo e che quel luogo possa essere sempre d’incontro e un ricordo anche per le generazioni che verranno.

Leggi anche–> Alena Seredova, una piccola disavventura

Carlo Verdone, l’omaggio che lo ha commosso

Carlo Verdone
Carlo Verdone

In occasione dei 40 anni dall’uscita del suo primo film “un sacco bello”Verdone, celebra assieme ai suoi fan che lo acclamano. E’ visibilmente commosso per il calore ricevuto e perché si rende conto che la storia è decisamente cambiata da quando girò le scene del film.

Leggi anche–> Mara Venier cade in casa

Parla di risate e di poesia e di come ora quell’incontro al palo della morte tra Sergio (Scarpa Renato) e Enzo (Verdone), sarebbe totalmente diverso, dicendo che ora la destinazione sarebbe Ibiza e probabilmente sarebbero tutti vestiti e acconciati alla stessa maniera. I festeggiamenti sono poi proseguiti all’arena cinematografica, con la successiva riproduzione del film. Alla festa hanno partecipato anche molti professionisti dello spettacolo per poter manifestare riguardo i danni subiti in seguito all’emergenza sanitaria, che pare abbia provocato conseguenze considerevoli al settore.