Home Televisione Biagio Izzo, la sua confessione fa preoccupare i fan: il suo lavoro...

Biagio Izzo, la sua confessione fa preoccupare i fan: il suo lavoro a rischio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:30
CONDIVIDI

Biagio Izzo è uno dei personaggi televisivi più attivi in questo momento. A far preoccupare tutti però è stata una sua confessione.

Biagio Izzo

Biagio Izzo è uno dei personaggi televisivi che in questo periodo è maggiormente attivo sul piccolo schermo. Infatti il napoletano sta conducendo ‘Made In Sud’ in compagnia di Fatima Trotta e Stefano De Martino. Per di più l’attore oggi sarà tra i protagonisti di ‘La sai l’ultima?’, che andrà in onda su Canale 5. Il conduttore ha però vissuto recentemente un periodo difficile e complicato. Ma di che cosa si tratta? La sua confessione ha stupito e preoccupato i suoi fan.

LEGGI ANCHE -> Biagio Izzo, ecco l’inatteso particolare

Biagio Izzo, ecco che cosa ha confessato: fan preoccupati

Il partenopeo ha fatto capire come l’emergenza sanitaria creata dal Coronavirus abbia cambiato la vita di tutti. E quest’aspetto ha finito per condizionare anche la vita lavorativa degli attori. Il buon  Biagio si è mostrato preoccupato per il futuro e per alcune restrizioni che dovranno essere rispettate per un bel po’ di tempo. Queste le sue parole, rilasciate ai microfoni di ‘Visto Tv’: “In questo momento sono molto preoccupato, perché non vedo proprio come si possano conciliare le norme di sicurezza con la normale attività teatrale. Ho vissuto l’isolamento con tanto stress psicofisico. Uno come me che non sta mai a casa, perché per lavoro è sempre in giro, trova stranissimo fare tutti i pasti all’interno della propria abitazione”.

LEGGI ANCHE -> Biagio Izzo, ecco chi è sua moglie Federica Apicella

Izzo ha quindi sottolineato come questo sarà un periodo molto complicato e difficile. L’attore non vorrebbe avere dei rimpianti, come gli è già successi in passato. Il comico ha comunque voluto elogiare il comportamento dei cittadini in un momento del genere: “Devo dire che Napoli ha dato un’immagine di solidarietà e organizzazione. Però molto spesso ci siamo sentiti abbandonati a noi stessi, a partire da noi attori e lavoratori nel mondo dello spettacolo“.