Home News Il sorriso della medusa, luci e ombre dell’omicidio Versace

Il sorriso della medusa, luci e ombre dell’omicidio Versace

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:27
CONDIVIDI

Restano avvolte nel mistero le vicende legate attorno all’omicidio Versace, di cui il documentario Il sorriso della medusa porta in luce dettagli preziosi.

Il sorriso della medusa
Il sorriso della medusa

Il sorriso della medusa è un famoso documentario realizzato nel settembre del 1997 che riguarda la morte di Gianni Versace, vicenda da sempre avvolta nel mistero.

Versace fu ucciso con due colpi di pistola mentre si trovava nella sua villa di Miami Beach la mattina del 15 luglio 1997.

Per questo omicidio fu incolpato il serial killer Andrew Cunanan, giovane di 27 anni, che fu ritrovato dopo 8 giorni di indagini mentre si trovava nella sua casa galleggiante di Miami Beach.

LEGGI ANCHE —>Chico Forti innocente? Ecco perché non ha ucciso nessuno

Nel luogo del ritrovamento però l’uomo fu scoperto morto su un letto mentre teneva tra le mani una pistola, con cui avrebbe commesso il suicidio.

Il documentario sul caso dell’omicidio Versace va proprio a concentrarsi su una versione differente della storia della morte del noto stilista e del misterioso caso di suicidio di Cunanan.

Il sorriso della medusa, la verità sul caso

Chico Forti
Chico Forti

Con il reportage Il sorriso della medusa si è voluto dunque cercare di dare una versione alternativa della vicenda che ruota attorno al caso della morte di Versace e del suo stesso killer Cunanan.

Chico Forti decise di acquistare i diritti per poter entrare per primo all’interno della casa galleggiante in cui fu ritrovato morto Cunanan, poiché non credeva al suicidio di quest’ultimo.

Sono troppi i punti non chiariti mai nel caso della morte di Gianni Versace e non è stato mai nemmeno identificato con certezza che fu proprio Andrew Cunanan ad essere il colpevole dell’omicidio.

Sono infatti molte le piste che potrebbero essere plausibili e che portarono Versace alla morte quella mattina di luglio.

LEGGI ANCHE —>Chico Forti, chiesta la grazia dal Governo: “Apprezzo l’impegno”

Sicuramente però ciò che viene contestato nel documentario è che è altamente improbabile che Cunanan decise di togliersi la vita e che invece questo fu in realtà vittima a suo tempo di omicidio.

La verità però non sarebbe mai venuta fuori poiché insabbiata forse perché ritenuta troppo scomoda e c’è infatti chi addirittura ipotizza che dietro l’omicidio di Versace ci sia stata in realtà la mano della criminalità organizzata.