Home Televisione Emilio Fede, l’intimidazione che ha subito dopo l’arresto: il retroscena

Emilio Fede, l’intimidazione che ha subito dopo l’arresto: il retroscena

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:00
CONDIVIDI

Emilio Fede dopo l’arresto ha potuto far rientro in hotel, qui ha ricevuto l’intimidazione degli agenti: ecco cosa è successo.

Emilio Fede

Emilio Fede alla vigilia dei suoi 89 anni si stava godendo una cena sul lungomare di Napoli con sua moglie, l’ex senatrice Diana Fo. L’ex direttore del Tg 4 è stato qui raggiunto dai carabinieri che lo hanno condotto in arresto per violazione degli arresti domiciliari.

Il giornalista non avrebbe infatti atteso l’autorizzazione del giudice di sorveglianza per il suo trasferimento da Milano e Napoli. Fede ha raccontato all’Ansa di essere stato raggiunto al ristorante dal capitano dell’arma dei carabinieri e da tre militari: “Come fossi il peggiore dei criminali.”

Emilio Fede dopo l’arresto torna in hotel: cos’è successo?

emilio fede
Emilio Fede

Emilio Fede è stato condotto agli arresti per aver violato i domiciliari, pena che sconta a seguito della condanna nel processo Ruby. Di certo un compleanno da dimenticare per il giornalista, arrestato proprio alla vigilia dei suoi 89 anni, festeggiati in anticipo con una pizza a Napoli in compagnia di sua moglie.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE-> Emilio Fede arrestato: il dramma del giornalista, era a cena con la moglie

Il giornalista ha poi raccontato al Tempo di non essere stato molto bene: “Ho avuto capogiri continui, pressione bassa, abbassamenti di voce, ho dovuto chiamare un medio, Fede si avvale poi di un’infermiera che dovrà somministrargli del cortisone.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE-> Emilio Fede in ospedale, come sta? Le condizioni del giornalista

L’intimidazione

Dopo l’arresto da parte dei militari in borghese, l’ex direttore del Tg 4 è stato nuovamente condotto in Hotel. Emilio Fede racconta che gli agenti gli hanno intimato di non aprire le finestre: “Mi hanno detto ‘guai se si fa vedere‘” ha raccontato, aggiungendo tuttavia di essere claustrofobico.

Sempre all’Ansa, Emilio Fede ha voluto precisare le sue condizioni fisiche, rivelando: “Voglio ricordare che sono caduto e cammino appoggiandomi a un bastone. Immagini quanto posso essere pericoloso.”

Fede può contare sulla vicinanza e il sostegno di sua moglie e si sente poi di dover ringraziare i gestori dell’hotel nel quale si trova: “Mi stanno trattando molto bene e sono molto gentili con me in tutto questo.”