Home Personaggi Javad Tavassolian ex marito Shirin Ebadi: dal tradimento al ricatto

Javad Tavassolian ex marito Shirin Ebadi: dal tradimento al ricatto

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:34
CONDIVIDI

Javad Tavassolian è l’ex marito di Shirin Ebadi che è protagonista di una storia davvero clamorosa: è stato convinto a tradire la moglie e poi ricattato.

Javad Tavassolian ex marito Shirin Ebadi
Javad Tavassolian ex marito Shirin Ebadi

La storia di Shirin Ebadi ha fatto riflettere tutto il mondo del web. La donna, che è stata Premio Nobel per la Pace nel 2013, sarà quest’oggi ospite di Storie Italiane in cui avrà modo di raccontare tutta la sua storia. La donna, che oggi ha 72 anni, ha denunciato al New York Times (e non solo) la sua storia che ha necessariamente coinvolto anche l’ormai suo ex marito Javad Tavassolian, il quale secondo il suo racconto è stato vittima dei ricatti e delle pressioni psicologiche del regime di Teheran.

La donna ha infatti raccontato che l’uomo, che come lei era di professione un attivista dei diritti umani come lei, è stato spinto con la forza a tradire la moglie per poi, una volta effettuato il gesto, costretto a registrare una dichiarazione non spontanea attraverso un video in cui denunciava la donna che era già diventata, per il regime, una persona molto scomoda.

TI POTREBBE INTERESSARE: Gaetano Pecoraro Le Iene: curiosità sui suoi capelli

Javad Tavassolian ex marito Shirin Ebadi chi è?

shirin ebadi
shirin ebadi

Javad Tavassolian ormai non ha più da tempo una relazione con Shirin Ebadi: i due sono ormai ex marito ed ex moglie. I due, che hanno anche avuto una figlia insieme di nome Negar, oggi sono divisi.

TI POTREBBE INTERESSARE: Antonio Ciontoli chi è? Il retroscena sull’omicidio Vannini

Lei vive a Londra, mente la figlia si trova oggi ad Atlanta ma nel 2009 la donna ha ricevuto, dopo alcuni giorni in cui l’uomo era scomparso, una telefonata proprio dal suo ex marito in cui le diceva di averla tradita con Meri, una donna con cui aveva avuto tempo prima una relazione.

A seguito di tutto questo l’uomo è stato arrestato dalla polizia iraniana, accusato di adulterio con registrazione documentata e filmata.

L’accusa, in un processo molto veloce della durata di 20 minuti, lo ha condannato alla pena di morte per lapidazione ma in realtà l’obiettivo era un altro: denunciare in un video la moglie per poi salvarlo dall’esecuzione. Alla fine il tutto non è accaduto ma la storia è davvero assurda.