Home Personaggi Gianni Boncompagni: il regista televisivo più “criticato” negli anni ’90

Gianni Boncompagni: il regista televisivo più “criticato” negli anni ’90

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:02

Gianni Boncompagni incontrò Raffaella Carrà da giovane ed ebbero una relazione che durò 11 anni. L’affetto reciproco però, non tramontò mai

Gianni Boncompagni, nome d’arte per Giandomenico Boncompagni è stato uno dei personaggi più amati e più importanti nella vita di Raffaella Carrà.

Nato nel 1936 e morto nel 2017 a 84 anni dopo una lunga malattia, è stato uno dei conduttori e regista televisivo più chiacchierato nella televisione italiana.

Gianni Boncompagni e Raffaella Carrà: amore a prima vista

Il suo incontro con la presentatrice bionda, avvenne durante un’intervista sulla scalinata di Roma. Entrambi si sono innamorati a prima vista. Lui oltre dieci anni più grande di lei, ha rappresentato il primo amore della sua vita.

Per lei ha scritto canzoni di grande successo, come ” A far l’amore comincia tu” che tutt’oggi rappresenta un cult per la musica italiana. La loro love story è durata 11 anni, ma non hanno avuto figli, probabilmente perchè lui già ne aveva 3.

Nonostante la separazione i due sono rimasti in ottimi rapporti fino alla morte del regista.

I suoi esordi e i suoi scandali

L’esordio di Gianni Boncompagni in televisione giunse alquanto presto: solo alla fine degli anni settanta approdò in Rai e negli anni ottanta era uno dei registi televisivi più richiesti conducendo decine di trasmissioni di grande successo.

Uno dei suoi programmi più riusciti fu “Domenica In” in onda dal 1987 al 1990 che fece conoscere al grande pubblico personaggi come Federica Bonaccorti e Marisa Laurito.

Negli anni ’90 passò alla Rai dove condusse una delle trasmissioni di maggior successo per l’epoca come “Non è la Rai” condotta da tante ragazze per la maggiore minorenne. All’epoca uscirono fuori i primi scandali, come la presunta relazione tra lui e l’allora minorenne presentatrice Ambra Angiolini.

Tornato in Rai verso la fine degli anni ’90 passò a la7 nel 2007 con un nuovo programma intitolato Bombay.

A un anno dalla sua morte, a ricordarlo in diverse interviste fu proprio il suo primo amore Raffaella Carrà la quale dichiarò che a lui sarebbe rimasta legata per sempre per il bene che provava.