Home Televisione Adriana Volpe: nuovo attacco a Carlo Freccero per Mezzogiorno in Famiglia

Adriana Volpe: nuovo attacco a Carlo Freccero per Mezzogiorno in Famiglia

Adriana Volpe su Instagram ha pubblicato un nuovo sfogo, in cui pone domande ben precise circa le scelte prese da Carlo Freccero sul futuro di Rai 2.

adriana volpe replica a carlo freccero

Prosegue la polemica di Adriana Volpe, decisamente contraria alla decisione presa da Carlo Freccero, Direttore di Rai 2, di chiudere Mezzogiorno in Famiglia. Sono molte le cose che la conduttrice non si spiega, tante le domande: e le ha affidate a un lungo post su Instagram.

Adriana Volpe VS Carlo Freccero

La polemica si fa rovente, tra la conduttrice di Mezzogiorno in Famiglia Adriana Volpe e il Direttore della seconda rete del servizio pubblico radiotelevisivo.

La decisione di eliminare il programma dal palinsesto della prossima stagione, proprio non è andata già alla Volpe, che sta facendo sentire la sua voce in merito, criticando senza mezzi termini l’operato di Carlo Freccero.

“Sono felice che programmi come Il Collegio e The Voice of Italy, format ereditati dalle precedenti direzioni, abbiamo portato una crescita sul target dei giovani. Purtroppo poi ci sono stati progetti propri che hanno conseguito risultati deludenti. Ma confido ancora che la Rete possa rialzarsi”, ha scritto nel suo lungo sfogo su Instagram, che fa seguito a quello di appena 2 giorni fa.

E poi continua: “Rimangono però ancora senza risposta alcune domande, per esempio: perché chiudere un programma interno che, quanto ad ascolti, ha sempre conseguito lo share più alto del daytime e il doppio della media della rete? Se poi pensiamo ai costi, con 2 puntate di Realiti si realizzano 20 puntate di Mezzogiorno in Famiglia“. La frecciatina è rivolta a Realiti, il programma di Enrico Lucci.

La critica maggiore che muove la Volpe è proprio questa: la preferenza accordata da Freccero a produzioni esterne, nonostante le indiscusse e alte professionalità Rai.

“E avrei ancora tanto altro da chiedere e da dire, ma facciamo un passo per volta”, conclude, facendo intendere che non è certo finita qui