Home News Vieni da me, Caterina Balivo non nota un errore grammaticale in diretta...

Vieni da me, Caterina Balivo non nota un errore grammaticale in diretta tv

Vieni da me, il talk-show di Rai 1 condotto da Caterina Balivo, è stato luogo di una gaffe che ha lasciato interdetti migliaia di spettatori italiani

Caterina Balivo Vieni da me
Vieni da me, Caterina Balivo non nota un errore grammaticale in diretta tv

Vieni da me sta avendo un buon riscontro tra gli spettatori di tutta Italia, grazie ad una buona conduzione della brava ed esperta Caterina Balivo che sin da subito ha apertamente dichiarato di ispirarsi all’americanissimo programma “The Ellen DeGeneres Show” per la struttura dei suoi episodi conditi di interviste, giochi, sketch comici, riflessioni e tanto altro. Un prodotto quantomeno fresco per la televisione italiana, che negli ultimi tempi sta cercando di aggiornarsi per rimanere sulla cresta dell’onda, vista la spietata concorrenza delle piattaforme multimediali online. Ma nell’ultima puntata qualcosa è andato storto e la credibilità dello show ha iniziato a vacillare.

Vieni da me, Caterina Balivo non nota un errore grammaticale

Durante la recente puntata del 7 Maggio di Vieni da me, Caterina Balivo era alle prese con Paolo Brosio e durante l’intervista è apparsa sullo schermo la famigerata scritta: “Qual’è”, che ha scatenato il disappunto del pubblico a causa di quell’apostrofo decisamente di troppo. La conduttrice ed ex modella napoletana non ha notato l’errore in questione suscitando ulteriori malumori, tra battute e veri e propri insulti da parte degli spettatori su tutte le principali piattaforme social. Secondo uno studio, quello del “qual’è” scritto con l’apostrofo anziché senza è il primo dei dieci errori più comuni commessi dal popolo italiano. Il che non giustifica comunque quanto accaduto in diretta televisiva, dove ci si aspetta sempre la massima professionalità e il miglior livello di educazione e precisione. Una caduta di stile della quale si parlerà sicuramente ancora a lungo, visto come certe gaffe si diffondono a macchia d’olio su Facebook dando vita a veri e propri culti.