Home News Aurora Ramazzotti a Verissimo: “Io minacciata con l’acido vivo sotto scorta”

Aurora Ramazzotti a Verissimo: “Io minacciata con l’acido vivo sotto scorta”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:59
CONDIVIDI

Aurora Ramazzotti

Aurora Ramazzotti torna a raccontarsi ai microfoni di Verissimo. La giovane figlia d’arte si confida con Silvia Toffanin sull’amore per Goffredo e racconta della sua vita sotto scorta.

Gerry Scotti a Verissimo parla del Festival di Sanremo

Aurora Ramazzotti: “Per i primi mesi non sono uscita neanche di casa”

Aurora Ramazzotti vive ormai da più di un anno sotto scarta, seguita passo a passo dalla sua guardia del corpo Sergio, ormai diventato un amico. Le minacce alla vita di Aurora sono arrivate tramite email a mamma Michelle Huziker, nel testo la richiesta di un compenso economico in cambio dell’incolumità della figlia. Ricordando quel giorno sulle pagine del Corriere della Sera la Ramazzotti ha detto: “Mia madre mi ha chiamata subito. Stavo andando in università, ho avuto una specie di attacco di panico. La prima reazione è stata guardanrmi attorno. Un attimo prima ero libera, da quello dopo non lo sono più stata“.

Una situazione certamente non facile da affrontare appena ventenne, tanto che per i primi mesi si è chiusa in casa senza uscire. Grazie anche al sostegno di mamma Michelle e papà Eros (Ramazzotti, ndr) è riuscita a superarlo e a fare i conti con la sua vita sotto scorta.

L’amore con Goffredo

Aurora Ramazzotti è fidanzata da ormai due anni con Goffredo Cerza, romano di stanza a Londra dove studia ingegneria. Una distanza certamente non semplice da colmare, ma che riescono a sopperire grazie al loro grande amore. Stuzzicata da Silvia Toffanin, la Ramazzotti racconta di quando ha presentato Goffredo a mamma Michelle: “Era il compleanno di mia madre e noi stavamo insieme da tre giorni, l’ho buttato in pasto ai leoni”, scherza nello studio di Verissimo.

Lucrezia Lante della Lovere parla del rapporto con la mamma Maria Ripa di Meana

Verissmo

Verissimo va ormai in onda dal lontano 1996, allora capitanato da Cristina Parodi. Prima di passare nel 2006 nelle mani di Silvia Toffanin il programma di Canale 5 è stato curato da Paola Perego.