Strage di animali sul set Lo Hobbit, cos’è successo durante le riprese?

Una strage di animali sul set della saga cinematografica Lo Hobbit: ecco che cosa è successo davvero nel corso delle riprese.

Lo Hobbit è una trilogia cinematografica di genere fantasy, diretta dal regista neozelandese Peter Jackson ed è basata sull’omonimo romanzo di J.R.R. Tolkien del 1937. Negli anni, la produzione è stata pesantemente accusata dagli animalisti.

Lo Hobbit: animali morti
Animali morti sul set della trilogia (Fonte foto: Ansa) – YouMovies.it

Pochi giorni prima della premiere del film Lo Hobbit: Un viaggio inaspettato il mondo del cinema è stato spiazzato dalla denuncia fatta da quattro allevatori neozelandesi. Questi avevano portato alla luce un drammatico scenario accaduto sul set della trilogia e di come durante le riprese siano morti almeno 27 animali su 150 utilizzati per la riuscita della pellicola.

Gli allevatori avevano rilasciato un’intervista all’Associated Press durante la quale avevano affermato che la fattoria in cui gli animali sono stati tenuti e addestrati non era sicura. La colpa era stata data in primis alle recinzioni rotte, ma anche ad altre situazioni che hanno procurato la morte a tanti animali e messo in pericolo molti altri ancora.

27 animali morti in Lo Hobbit: ecco che cosa è successo

I quattro allevatori neozelandesi che hanno rilasciato l’intervista ed hanno denunciato quanto accaduto, erano stati assunti per il film. Hanno sottolineato che i 27 animali sono morti in “trappole mortali” in una fattoria della Nuova Zelanda nella quale erano tenuti per essere addestrati per le riprese di Lo Hobbit.

27 animali morti Lo Hobbit
Morti 27 animali sul set (Fonte foto: Ansa) – YouMovies.it

Chris Langridge, uno degli allevatori, era stato chiamato per sorvegliare 50 cavalli nel 2010. Proprio quest’ultimo ha affermato che i pozzi sono stati la causa di morte di un cavallo che si chiamava Rainbow. L’animale si sarebbe sottoposto a eutanasia dopo essersi rotto la schiena.

Langridge e la moglie, anche lei assunta per sorvegliare gli animali, decisero di abbandonare il set della trilogia dopo aver visto come venivano trattati gli animali. Lasciarono la produzione nel 2011, un anno dopo la loro assunzione. In seguito, inviarono una lettera alla responsabile di produzione per descrivere la situazione.

Anche Johnny Smyth, un altro mandriano, lamentò le condizioni in cui riversavano i cavalli, ponendo l’accento soprattutto sulla cattiva alimentazione dei cavalli. L’allevatore fu licenziato dopo che ebbe uno scontro con il suo capo.

È vero che nessun animale è morto durante le riprese effettive del film, ma il portavoce Peter Jackson di Lo Hobbit, la cui trilogia è terminata con La Battaglia delle Cinque Armate, ha confermato che cavalli, capre, galline e una pecora sono morti nella fattoria, anche se alcuni di questi decessi erano dovuti a cause naturali.

Gestione cookie