Home Cinema The Menù, lo chef Max Mariola commenta il film: è realistico? La...

The Menù, lo chef Max Mariola commenta il film: è realistico? La risposta spiazza

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:47

Lo chef Max Mariola ha commentato il film The Menù e ha fornito una chiave di lettura sul possibile realismo del contenuto: la risposta.

Negli ultimi anni, sono stati vari i prodotti audio-visivi che hanno messo al centro di tutto la cucina. Tra quelli più recenti troviamo la pellicola The Menù diretto da Mark Mylod. Un prodotto di assoluto valore visto che al suo interno troviamo attori del calibro di Ralph Fiennes e Anya Taylor-Joy.

The Menù, chef Max Mariola commenta il film
Lo chef Max Mariola commenta The Menù – fonte foto YouTube: @searchlightIT e Instagram: @chefmaxmariola – YouMovies.it

The Menù ha avuto un grande successo ma, come spesso accade, molti affezionati si sono interrogati sul presunto realismo di quanto si è visto. Una curiosità molto comune dato che i più curiosi cercano elementi del reale anche in questo tipo di prodotto.

A rispondere a questa domanda ci ha pensato il celebre chef romano Max Mariola tramite un video apparso sul canale YouTube Slimdogs. La risposta del noto esponente della cucina italiana non ha lasciato alcun tipo di dubbio.

The Menù è realistico? La risposta dello chef Max Mariola

The Menù è stato uno dei film del 2022 che più hanno conquistato il pubblico mondiale. Al centro di tutto un certo tipo di cucina gourmet che tende sempre più ad incuriosire. Come ad incuriosire sono state alcune scene che hanno fatto emergere alcuni dubbi sull’effettivo realismo della pellicola. A sollevarli ci ha pensato lo chef Max Mariola che ha dato delle risposte molto precise e degne di nota.

The Menù è realistico?
The Menù è realistico? Risponde lo chef Mariola – Fonte foto screen YouTube: @searchlightIT – YouMovies.it

In prima battuta, lo chef si è soffermato sull’eventuale presenza di un tempo limite per impiattare, come avviene in Masterchef. Su questo argomento, Mariola sottolinea fin da subito che tale atteggiamento, che si vede nel film, va bene per una gara ma in una cucina si stimano dei tempi: ad esempio, 5 minuti al pass. Dare un limite dove tutti rispondono “Sì, chef“, è poco realistico.

Un’altra scena su cui si focalizza è quando lo chef Julian Slowik, interpretato da Ralph Fiennes, annuncia che per la sua idea di cucina non ci sarà del pane a tavola. A tal proposito, chef Mariola risponde sul livello concettuale della cucina sostenendo che il cuoco deve essere bravo a portare il cliente nel suo mondo. Al tempo stesso, però, lo stesso non deve essere troppo stringente e deve lasciare spazio alla scelta di chi si siede a tavola. In sintesi, il cliente non deve sentirsi imprigionato dato che si tratta di un’esperienza particolare che, sottolinea chef Mariola, può anche non essere positiva. Insomma, The Menù ha rispecchiato a grandi linee cosa succede in una cucina anche se alcuni elementi non sono presenti nella realtà.