Home Televisione L’Eredità: i concorrenti vincitori hanno tanti modi per farsi pagare

L’Eredità: i concorrenti vincitori hanno tanti modi per farsi pagare

ULTIMO AGGIORNAMENTO 6:04

Qual è il metodo di pagamento adottato per il quiz televisivo L’Eredità? Ecco cosa accade ai concorrenti vincitori dopo la loro partecipazione al noto game show.

L'Eredità
L’Eredità

Sono in molti ad avere la curiosità che riguarda i pagamenti che vengono fatti ai vari concorrenti vincitori della trasmissione televisiva L’Eredità.

Da anni ormai i vari game show hanno preso il sopravvento soprattutto nella nostra televisione italiana.

Sono programmi di intrattenimento, che piacciono molto al pubblico che si immedesima anche nei partecipanti in gara.

Recentemente è ricominciata una nuova edizione del programma, ancora una volta condotto da Flavio Insinna.

L’Eredità, i metodi di pagamento

È ritornato a far parte del palinsesto televisivo il 27 settembre il famoso game show L’Eredità, in onda su Rai 1.

Quest’anno ci sono tante novità, tra cui anche la presenza di un nuovo gioco molto interessante, che questa volta coinvolge anche i telespettatori.

Una volta a settimana infatti Insinna ha il compito di porre una domanda al pubblico da casa, il cui vincitore verrà sorteggiato tra tutti coloro che hanno dato una risposta corretta.

Nel corso delle varie edizioni sono stati tantissimi i concorrenti partecipanti vincitori della trasmissione.

Spesso i telespettatori si chiedono con che metodi percepiscano poi i montepremi che sono riusciti a vincere.

È da diverso tempo ormai che nei quiz televisivi sono stati introdotti come forma di pagamento i gettoni d’oro.

Questi in realtà sono dei veri e propri gettoni che possono avere una peso che varia molto, e che solitamente hanno stampato il logo dell’azienda che li commissiona, e quindi in questo caso della RAI.

Il valore di questi gettoni corrisponde sommariamente alla cifra del montepremi che si guadagna durante la puntata, ma bisogna considerare su questi di apportare l’IVA al 22%.

Tali gettoni poi vengono ricevuti, in teoria, entro i 6 mesi dalla loro vincita anche se solitamente si può slittare di un po’.

Successivamente poi, come scopriamo da Quifinanza, è il banco dei metalli che dovrebbe contattare il vincitore, comunicandogli tutte le informazioni relative al numero di questi.

In seguito il concorrente che ha vinto può decidere se ricevere direttamente la cifra in gettoni, o se rivenderli al banco per ricevere la stessa somma con il corrispettivo in denaro.

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE >>> Samira Lui, chi è il fidanzato della nuova prof dell’Eredità?

Un dato da sapere però è il fatto che quando avviene questo cambio in denaro vi è una lieve svalutazione e a quanto pare si perde circa il 5%.

Pare però che comunque la svalutazione sia sempre minore rispetto al rivendere poi i gettoni sia alle banche, che anche nelle gioiellerie.