Home Personaggi Giancarlo Giannini, tra i pochissimi ad esserci riuscito: il dettaglio

Giancarlo Giannini, tra i pochissimi ad esserci riuscito: il dettaglio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:00
CONDIVIDI

Personaggio del mondo spettacolo amatissimo e dal talento immenso, Giancarlo Giannini è tra i pochi ad esserci riuscito: quell’importante dettaglio

Giancarlo Giannini, tra i pochissimi ad esserci riuscito: il dettaglio
G. Giannini (fonte foto: Youtube, Rai)

È un personaggio del mondo dello spettacolo davvero incredibile, Giancarlo Giannini, dotato di un raro talento e di una popolarità vasta, costruita nel corso di una carriera importantissima vissuta sempre a massimi livelli: quel riconoscimento importante che è tra i pochissimi italiani ad avere avuto.

Attore, doppiatore, regista, sceneggiatore e scrittore, Giannini ha avuto modo di farsi apprezzare e di affermarsi a livello internazionale, contribuendo a portare in alto il cinema italiano, impreziosito proprio dalla sua bravura.

Tutte le curiosità, i dettagli particolari e le informazioni a proposito del percorso professionale, e quindi della carriera di Giancarlo, ma anche relativi agli aspetti personali noti, e dunque legati alla sua vita privata.

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE >>> Serena Rossi, la Canzone segreta stavolta è la sua: sorpresa in diretta

Giancarlo Giannini chi è: età, altezza, peso, data e luogo di nascita, biografia

Giancarlo Giannini, tra i pochissimi ad esserci riuscito: il dettaglio
G. Giannini (fonte foto: GettyImages)
  • Nome e Cognome: Giancarlo Giannini;
  • Altezza: 1,70 circa;
  • Peso: ignoto;
  • Data di Nascita: 1° agosto 1942;
  • Età: 78 anni;
  • Luogo di Nascita: La Spezia, Liguria.

Tra i più stimati ed affermati personaggi italiani, l’attore, doppiatore, regista, sceneggiatore e scrittore, Giancarlo Giannini nasce a La Spezia, in Liguria, il 1° agosto del 1942, ed ha dunque, al momento, 78 anni.

I suoi primi anni, quelli dell’infanzia, li trascorse nel borgo di Pitelli, ma ben presto nel 1952 arriva il trasferimento, insieme alla sua famiglia, nella città di Napoli.

Qui, completa il proprio percorso di studi diplomandosi come perito elettronico, prima di spostarsi nella Capitale, iniziando a studiare recitazione All’Accademia Nazionale d’arte d’arte drammatica Silvio D’Amico.

Il suo esordio a teatro arriva quando ha soli 18 anni, ed in generale è tale palcoscenico a donargli le prime gioie e a dare inizio ad una splendida storia fatti di successi, riconoscimenti e grandi emozioni trasmette al pubblico.

Giancarlo Giannini e Napoli: il riconoscimento alla città partenopea

Come detto, per alcuni anni Giancarlo ha avuto modo di vivere a Napoli, e la città rappresenta una tappa importante della sua lunga, ricca ed interessante biografia.

Come lui stesso ha avuto modo di spiegare in alcune occasioni, infatti, il rapporto con la città partenopea è molto forte, così come intenso è il riconoscimento al luogo, come si evince ad esempio dalle sue parole rilasciate a L’Arena da Massimo Giletti, qualche tempo fa.

In tale occasione, infatti, il grande personaggio svela: “Se non avessi vissuto a Napoli, non sarei mai riuscito a diventare attore”.

Quest’ultimo motiva tali parole, spiegando che “lì c’è fantasia, c’è una carica completamente diversa.” 

Giancarlo spiega che, in quella città, tutto parla di qualcosa e viene vissuto con forte carica, “teatralità e con forte passione”. 

La carriera di Giancarlo Giannini: al cinema, i film dagli esordi a Notti Magiche

Giancarlo Giannini, tra i pochissimi ad esserci riuscito: il dettaglio
G. Giannini e Lina Wertmüller (fonte foto: GettyImages)

Sono innumerevoli i film a cui ha preso parte Giannini nel corso della carriera, così come è impossibile riuscire, in poche righe, a restituire a pieno la grandezza e l’intensità della sua proficua attività artistica e professionale.

L’esordio nel mondo del cinema arriva nel 1965 in occasione di Libido, mentre la prima grande esplosione di popolarità arriva con lo sceneggiato David Copperfield, l’adattamento del capolavoro di Charles Dickens diretto da Majano.

In quel periodo arriva anche un incontro che avrà un peso importante nel suo percorso professionale, quello con Lina Wertmüller.

Con quest’ultima saranno diverse le collaborazioni, un sodalizio tra i più importanti di certo di quegli anni in cui entrambi contribuiscono a rendere grande il cinema italiano.

Il successo internazionale, dopo aver dimostrato di che pasta fosse fatto e quanto grande fosse il suo talento in Italia, arriva in La prima notte di quiete in compagnia di Alain Delon.

Ma sono tante le pellicole di successo che in quel periodo lo rendono celebre, anche in virtù della suddetta collaborazione con la Wertmüller: Mimì metallurgico ferito nell’onore o Travolti da un insolito destino nell’azzurro mare d’agosto, per citarne soltanto un  paio.

In un racconto sintetico della sua incredibile attività al cinema, non possono non essere menzionati alcuni tra i più grandi registi italiani con cui Giancarlo ha collaborato.

Per citarne solo qualcuno si ricordano: Luchino Visconti, Sergio Corbucci, Mario Monicelli, Dino Risi Nanni Loy.

Di seguito, un breve, sintetico e parziale elenco dei tantissimi film di successo a cui ha preso parte Giannini nel corso della sua carriera sino ad oggi:

  • Libido
  • Rita la zanzara
  • Non stuzzicate la zanzara
  • Stasera mi butto
  • Le sorelle
  • Dramma della gelosia (tutti i particolari in cronaca)
  • Una macchia rosa
  • Don Camillo e i giovani d’oggi
  • Film d’amore e d’anarchia – Ovvero “Stamattina alle 10 in via dei Fiori nella nota casa di tolleranza…”
  • Mimì metallurgico ferito nell’onore
  • Sono stato io!
  • La vita è bella
  • Buone notizie
  • Febbre di gioco
  • Ternosecco
  • ‘o Re
  • Legami di sangue
  • La famiglia Buonanotte
  • Il male oscuro
  • Nel giardino delle rose
  • Giovanni Falcone
  • Palermo Milano solo andata
  • La Frontiera
  • La lupa
  • La cena
  • La stanza dello scirocco
  • Terra bruciata
  • Vipera
  • Ciao America
  • I banchieri di Dio – Il caso Calvi
  • Darkness
  • Il cuore altrove
  • Per sempre
  • Tirante el Blanco
  • Casino Royale
  • Bastardi
  • Quantum of Solace
  • Omamamia
  • AmeriQua
  • Ti ho cercata in tutti i necrologi
  • Di tutti i colori
  • Prigioniero della mia libertà
  • Nobili bugie
  • Il ricevitore è la spia
  • Notti magiche

Giancarlo Giannini, Leonardo e gli altri successi in televisione

Anche sul piccolo schermo esplode il talento di Giancarlo, protagonista di tantissimi progetti importanti che hanno fatto sì che esplodesse ulteriormente la sua popolarità.

Il suo talento e l’arte della sua recitazione si impongono infatti anche in televisione sin dagli esordi.

Per parlare solo del suo lavoro più recente che tanto sta facendo parlare di sé, conquistato pareri favorevoli dalla critica, va di certo menzionato Leonardo, la serie in cui Giannini interpreta il grande maestro del genio, Il Verrocchio.

A tal riguardo, si segnalano le parole riportate dall’ANSA, proprio del grande attore che spiega quanto sia importante questa serie, perché “fa tornare la memoria, noi siamo italiani, siamo quelli, di Leonardo, quelli di Michelangelo e Dante”.

E a proposito del ruolo da lui interpretato, sottolinea: “Il Verrocchio è realmente esistito e lo sappiamo dal Vasari, ha insegnato a Leonardo una cosa molto importante la luce“, tra le altre parole concesse nell’intervista.

Per quanto concerne invece la sua carriera televisiva, di seguito si riporta un breve elenco, incompleto, delle sue esperienze:

  • Lo squarciagola
  • David Copperfield
  • La promessa
  • Peccati
  • Carla
  • Vita coi figli
  • Colpo di coda
  • La Bibbia – Giacobbe
  • Dune – Il destino dell’universo
  • Il bacio di Dracula
  • La mia casa in Umbria
  • Racconti neri
  • L’onore e il rispetto
  • Il generale Dalla Chiesa
  • Il maresciallo Rocca e l’amico d’infanzia
  • Prima della felicità
  • Michelangelo – Il cuore e la pietra
  • Romanzo famigliare
  • Catch-22
  • Leonardo

Giancarlo Giannini Hollywood: la stella, tra i pochissimi italiani nella Walk of Fame

Giancarlo Giannini, tra i pochissimi ad esserci riuscito: il dettaglio
G. Giannini (fonte foto: GettyImages)

I riconoscimenti avuti in carriera sono tantissimi, per Giancarlo Giannini, in svariati anni di carriera a livelli altissimi.

Tra questi si ricordano ad esempio: 6 David di Donatello, 5 Nastro d’Argento, 5 Globo d’Oro, per citarne solo qualcuna.

Non può non essere menzionato però un ennesimo riconoscimento avuto, ovvero la stella nella Walk of Fame di Hollywood, un tributo, un omaggio che Giancarlo può condividere con pochissimi italiani di incredibile levatura.

Un onore di cui lo stesso Giannini è ovviamente consapevole, e che proprio al riguardo ha sottolineato in un’intervista rilasciata a La Repubblica:Sono il secondo attore italiano a riceverlo dopo Rodolfo Valentino, con Anna Magnani, Sophia Loren e Gina Lollobrigida”.

Attualmente infatti, oltre a Giannini e a Luciano Pavarotti, anch’egli insignito della stella, e a sopracitati nell’intervista di Giannini, ecco chi sono gli italiani che hanno avuto tale riconoscimento: Enrico Caruso, Arturo Toscanini, Renata Tebaldi, Beniamino Gigli, Andrea Bocelli, Annunzio Paolo Mantovani, Ezio Pinza, Licia Albanese, Bernardo Bertolucci, Ennio Morricone.

Giancarlo Giannini inventore: la passione che non tutti conoscono

Una carriera ricca di successi, di curiosità e di primati, per Giannini, che non ha mai nascosto di avere un’altra grande passione nella sua vita, come i fan più attenti di certo già sapranno.

Quest’ultimo infatti è anche inventore, una competenza ed una passione che nascono da un altro contesto che lo ha appassionato in età giovanile, l’elettronica.

Gli appassionati ricorderanno, ad esempio, che sua fu l’invenzione del giubbotto pieno di gadget che viene indossato dal grande Robin Williams nel film Toys – Giocattoli.

Tra gli altri talenti del grande artista, vanno inoltre menzionati quello per la scrittura, ma anche i lavori svolti nel campo del doppiaggio, altro grande punto centrale della carriera immensa del personaggio. Inoltre si ricordano le attività di narratore, produttore, regista, sceneggiatore, e ovviamente il teatro.

La vita privata di Giancarlo Giannini, moglie: il matrimonio con Livia Giampalmo e con Eurilla del Bono

Giancarlo Giannini, tra i pochissimi ad esserci riuscito: il dettaglio
G. Giannini (fonte foto: GettyImages)

Con personaggi di tale importanza e notorietà, non sorprende che da parte del pubblico esploda la curiosità e la voglia di sapere anche dettagli legati non soltanto al percorso professionale, ma anche in merito alla vita privata.

Per quanto riguarda Giannini, è noto il suo primo matrimonio avvenuto nel 1968 con l’attrice e regista Livia Giampalmo.

Il loro rapporto d’amore e il forte legame che li univa si è interrotto con il divorzio, che è arrivato nel 1975.

Successivamente, poi, Giannini ha ritrovato l’amore con l’attrice Eurilla del Bosco; la coppia si è unita in matrimonio nel 1983.

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE >>> Giancarlo Giannini, sapete chi era la sua “psicologa”? Famosissima

I figli di Giancarlo Giannini: Adriano, Emanuele, Francesco e la tragica scomparsa di Lorenzo

Giancarlo Giannini, tra i pochissimi ad esserci riuscito: il dettaglio
G. Giannini (fonte foto: Youtube, Rai)

Se, nella vita privata del grande attore, i due matrimoni hanno avuto chiaramente un ruolo importante, ancor di più il discorso vale per i figli avuti dalle rispettivi unioni.

Dalle nozze con Livia Giampalmo, sono nati Lorenzo e Adriano, mentre dal secondo matrimonio con Eurilla del Bono, sono nati Emanuele e Francesco, due musicisti.

Purtroppo, chi segue da tempo Giancarlo, sa bene che suo figlio Lorenzo è scomparso prematuramente all’età di 21 anni a seguito di un aneurisma.

Rispetto a tale tragedia, in una intervista rilasciata a ‘Io Donna’, lo stesso Giannini ha raccontato del proprio dolore, con parole toccanti ed intense, spiegando che la morte di un figlio “mette in discussione l’esistenza stessa di Dio. Ti chiedi: perché lui e non me?”

L’attore ha avuto modo di raccontare anche la sua reazione alla tragica notizia. Quest’ultimo infatti si trovava a Milano e prese un aereo e si precipitò in ospedale, dove trovò la madre e il fratello in piena e comprensibile disperazione.

Poi ha aggiunto: “Ero altrettanto disperato, ma cercavo di confortarli dicendo ‘Guardare, ora lui sta meglio di noi'”.

Un evento che trasforma la vita, quella di un lutto di un figlio, come ha sottolineato in quell’occasione Giancarlo, spiegando che si cambia, che si affrontano le cose “con più ferocia.”

Il conforto per l’attore è stato trovato nella fede:Ma, se uno ha fede, riesce ad andare avanti, ad accettare che così è la vita”


Fonte video: YouTube, Rai