Home Serie TV La Compagnia del Cigno 2, la confessione del regista: “Orgoglioso del progetto”

La Compagnia del Cigno 2, la confessione del regista: “Orgoglioso del progetto”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:00

La Compagnia del Cigno 2, la fiction Rai diretta da Ivan Cotroneo, un racconto importante sul cambiamento dell’Italia. 

La compagnia del cigno (Rai)
La compagnia del cigno (Rai)

La Compagnia del Cigno 2 questa sera andrà in onda su Rai 1 in prima serata. La fiction è diretta da Ivan Cotroneo, nel cast vediamo nei panni dei protagonisti, Anna Valle e Alessio Boni, i quali interpretano rispettivamente Irene e Luca Marioni.

Lei è la moglie di quest’ultimo ed ex insegnante di pianoforte, lui invece è il maestro del conservatorio, ma ciò che lo caratterizza è proprio il suo carattere considerato come molto aggressivo. I due vivono un rapporto molto difficile.

Questa sera ritorneranno sul piccolo schermo i sette ragazzi della Compagnia del Cigno, dopo due anni sono giunti ad un traguardo importante: la maturità. In attesa di sapere cosa succederà questa sera scopriamo qual è stata la confessione del regista.

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE >>> Tommaso Stanzani, così è cambiata la sua vita: è successo in diretta

La Compagnia del Cigno 2, Ivan Cotroneo: “Ecco cosa ho voluto raccontare”

La compagnia del cigno (Rai)
La compagnia del cigno (Rai)

Questa sera ritorna in prima serata la seconda stagione della serie televisiva italiana, La Compagnia del Cigno 2. Dopo la prima stagione andata in onda nel 2019, i musicisti del Conservatorio di Giuseppe Verdi sono pronti a stupirci con altri imperdibili eventi.

Dopo due anni i ragazzi sono cambiati ed anche i temi da loro trattati. Un argomento importante che verrà affrontato in questo secondo capitolo è il ruolo della famiglia. Claudia Potenza, nel ruolo di Nicoletta, verrà lasciata dal marito e Carlotta Natoli, celebre volto della televisione italiana, l’abbiamo vista in Distretto di Polizia e Tutti e Pazzi per Amore, nei panni di Vittoria, vedrà la sua vita sull’orlo del baratro dopo che il marito verrà mandato in carcere.

Come il regista dell’opera, Ivan Cotroneo, ha rivelato a La Repubblica, assisteremo all’introduzione del giallo grazie al personaggio di Kayà. Nonostante la storia si sviluppi nel periodo odierno, il regista ha voluto fare una scelta ben precisa.

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE >>> Dino Abbrescia: moglie, La compagnia del cigno, raccondino, Verissimo

Non inserire nella vita dei ragazzi il Covid. Ha dunque sottolineato che nella fiction non vi è cronaca, bensì attualità del Paese. L’attrice Claudia Potenza, ha rivelato come grazie alla passione che emerge dai protagonisti del racconto nei confronti della musica, è nata anche nel figlio la voglia di studiare musica. Infine Cotroneo si dice orgoglioso di aver messo in scena il talento dei ragazzi.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Ivan Cotroneo (@ivancotroneo1)