Home Personaggi Giorgio Panariello, la morte drammatica del fratello: la tragedia del passato

Giorgio Panariello, la morte drammatica del fratello: la tragedia del passato

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:20

Giorgio Panariello, il fratello e la morte drammatica: il passato difficile del comico che nessuno conosceva.

giorgio panariello fratello
Giorgio Panariello

Giorgio Panariello, il fratello e la sua tragica fine: l’infanzia difficile del conduttore toscano che nessuno, fino a qualche tempo fa, sospettava.

Oggi l’uomo sarà ospite a Domenica In, dove presenterà insieme a Marco Giallini il nuovo programma Lui è peggio di me che andrà in onda dall’11 febbraio su Rai 3.

Panariello, proprio nel salotto di Mara Venieri, qualche tempo fa ha raccontato le vicende familiari del suo passato doloroso. Da piccolissimo è stato abbandonato da sua madre e non sa chi sia suo padre, ma una sorte peggiore è toccata a suo fratello.

LEGGI ANCHE -> Giorgio Panariello e la confessione: “Non so cosa aspettarmi”

Giorgio Panariello, il fratello e la morte drammatica

Giorgio Panariello fratello
Giorgio Panariello

Il conduttore ha raccontato la sua storia proprio a Domenica In, dove ha spiegato di essere stato cresciuto dai suoi nonni che l’hanno accolto in casa loro e hanno cercato di sopperire alla mancanza dei genitori.

Ha visto sua madre poche volte, nelle “occasioni speciali” e non ha mai incontrato suo padre che non sa chi sia. Quando aveva 12 anni ha scoperto di non essere figlio unico ma di avere un fratello che, però, è stato abbandonato e cresciuto in un istituto.

LEGGI ANCHE -> Chi è la moglie di Panariello? Una differenza d’età notevole

Panariello ha raccontato che non è stato facile rapportarsi con lui che ha avuto molti problemi a causa della sindrome di abbandono. Non ha avuto neanche molto tempo per conoscerlo dato che è morto giovane a causa della depressione e i suoi problemi di droga, come riporta Controcopertina.

Una storia davvero difficile quella di Giorgio che, tuttavia, non ha si è mai perso d’animo ed è riuscito a raggiungere il successo come comico, imitatore e conduttore. Ha raccontato di avere iniziato a lavorare facendo il cameriere perchè era molto portato per il contatto con il pubblico, ma faceva disperare il titolare perchè intratteneva i clienti con continue imitazioni. Era già chiara la strada da intraprendere per lui e la sua grande simpatia.