Home Televisione Le Iene, inviato in carcere: condanna di due mesi per il giornalista

Le Iene, inviato in carcere: condanna di due mesi per il giornalista

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:41
CONDIVIDI

Pesante condanna per uno storico inviato de ‘Le Iene’. Ma che cosa è successo e che cosa è accaduto? Ecco quali sono i dettagli.Le Iene stasera

‘Le Iene’ sono senza alcun dubbio uno dei programmi più seguiti e amati dal grande pubblico. Mentre in questo momento la curiosità e l’attenzione è tutta concentrata sulla data in cui ripartirà la trasmissione targata Mediaset e in onda su Italia 1, è arrivata una notizia molto importante, che non può non toccare e colpire i telespettatori e i fan più affezionati di un format che ha, a suo modo, fatto comunque la storia della tv. Ma che cosa è successo?

LEGGI ANCHE >>> Marco Maisano, chi è? Da Le Iene Show a Tv8 con Piacere Maisano il cambio di passo

‘Le Iene’, arriva una pesante condanna: ecco tutti i dettagli

Le Iene gianni mendes

Infatti Luigi Pelazza, storico inviato del programma, è stato condannato per violenza privata a due mesi di carcere, che sono stati poi convertiti alla pena pecuniaria di 15mila euro. Il tutto si lega a un’intervista del 19 settembre 2015 fatta alla giornalista Guia Soncini. L’ingresso del giornalista in un cortile privato è stata la molla che ha fatto scattare la condanna. Secondo quanto scritto dall’agenzia Agi, la sentenza ha stabilito che non sempre un certo metodo può essere giustificato e motivato con il diritto di cronaca.

LEGGI ANCHE >>> Francesco Oppini vittima dello scherzo de Le Iene? Tutta colpa della Parietti

Stando alla ricostruzione, Pelazza e il suo cameraman, si sarebbero introdotti indebitamente nel cortile, spacciandosi per corrieri, per poi avvicinarsi alla Soncini e dare il là a una serie infinita di domande. Il tutto si legava a un’inchiesta, dove poi comunque la Soncini è stata assolta. Ed è stata proprio quest’insistenza che ha portato alla decisione del giudice. Insomma, una vicenda davvero molto delicata. Ora non resta che attendere se ci sarà appello e la questione andrà avanti per ancora un po’.