Home Cinema The Millionaire, la storia vera dietro al film: incredibile

The Millionaire, la storia vera dietro al film: incredibile

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:00
CONDIVIDI

The Millionaire è la celebre pellicola di Danny Boyle. Ma scopriamo quella storia vera che si cela dietro al film. Davvero incredibile.

The-Millionaire

The Millionaire questa sera in prima serata sarà trasmesso su IRIS. La celebre pellicola vede alla regia Danny Boyle, mentre tra il cast scorgiamo: Dev Patel, Tanay Hemant Chheda, Ayush Mahesh Khedekar e Madhur Mittal. Il film è stato candidato a ben 10 premi Oscar, aggiudicandosi 8 statuette: Miglior film a Christian Colson, Migliore regia a Danny Boyle, Migliore sceneggiatura non originale a Simon Beaufoy, Migliore fotografia a Anthony Dod Mantle, Miglior montaggio a Chris Dickens, Miglior sonoro a Ian Tapp, Richard Pryke e Resul Pookutty, Miglior colonna sonora a A. R. Rahman, Miglior canzone (Jai Ho) a A. R. Rahman e Gulzar. Ma addentriamoci nel vivo del capolavoro.

LEGGI ANCHE —> Laura Torrisi esce allo scoperto dopo tanti anni: “Lo amo”

The Millionaire, quella storia incredibile che si cela dietro il film

The-Millionaire

La pellicola è nata da due eventi di cronaca che hanno conquistato l’attenzione dello scrittore Vikas Swarup. Il primo riguarda un reportage sui bambini delle baraccopoli indiane che hanno cercato di evadere dal loro mondo e di abbattere le rigide barriere culturali, sociali ed economiche, attraverso l’uso di Internet e dei cellulari. Il secondo invece è un evento che ha suscitato grande scandalo nel Regno Unito. Nel 2001 l’inglese Charles Ingram, dopo aver vinto il massimo montepremi di Chi vuol essere milionario?, è stato accusato di aver barato grazie all’aiuto della moglie e di un complice che, seduti fra il pubblico, gli avevano suggerito le risposte esatte tossendo.

LEGGI ANCHE —> Nancy Brilli, quella parte di lei che non riesce a cancellare

Proprio da questi due eventi lo sceneggiatore Vikas ha iniziato a scrivere la storia di Ram, dando origine prima al romanzo “Le dodici domande“, successivamente Simon Beaufoy l’ha riadattato a livello cinematografico. Infatti quest’ultimo si mise in viaggio fino in India per incontrare quei ragazzini di strada che avrebbero ispirato i personaggi di Jamal, Salim e Latika.