Home Cinema Jennifer Aniston, l’ha fatta grossa: figli dei deceduti infuriati

Jennifer Aniston, l’ha fatta grossa: figli dei deceduti infuriati

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:49
CONDIVIDI

Jennifer Aniston finisce nel mirino delle polemiche e subische tante critiche. Nel mirino non c’è un suo film, ma un suo addobbo natalizio.

Jennifer Aniston
J. Aniston (Fonte: Getty Images)

Jennifer Aniston non ha certo bisogno di particolari presentazioni. D’altronde si sta parlando di una delle attrici più famose di Hollywood. Per lei il successo è senza alcun dubbio arrivato grazie alla seguitissima e amatissima serie tv ‘Friends’. Ovviamente sono stati tanti altri i ruoli che ha interpretato, conquistando fan in tutto il globo. Questa volta però per lei sono arrivate tantissime critiche. Ma che cosa è successo? Il motivo ha davvero dell’incredibile.

LEGGI ANCHE -> Jennifer Aniston, la sua più grande paura: irrazionale e inconfessabile

Jennifer Aniston, il web non ci sta: ma che cosa ha fatto?

Jennifer Aniston
Jennifer Aniston (Fonte: Getty Images)

La 51enne, che un po’ di tempo fa si è voluta rivolgere a tutto il popolo statunitense, ha, come tanti altri vip e personaggi del mondo dello spettacolo, mostrato il suo albero di Natale attraverso i suoi profili social. C’è stato però un dettaglio che non per nulla piaciuto ai suoi follower e non solo. Ma di che cosa si tratta? Un addobbo in legno con incisa la frase ‘La nostra prima pandemia 2020’.

LEGGI ANCHE -> Jennifer Aniston e Brad Pitt, ma come vanno le cose tra i due? I fan sono un po’ preoccupati

Un riferimento, fin troppo chiaro, al Covid-19. Un qualcosa che ha ovviamente scatenato polemiche. L’accusa è quella di fare ironia e di scherzare su una problematica che ha causato tanta sofferenza e la morte di molte persone. Gli attacchi per la Aniston sono arrivati in primis su Twitter, dove in molti le hanno chiesto di scusarsi e di fare un passo indietro. La bella Jennifer replicherà e darà qualche spiegazione? Per il momento tutto tace. A divampare sono soltanto polemiche.