Home Storie Maurizio Battista, quella malattia che ha segnato la sua carriera

Maurizio Battista, quella malattia che ha segnato la sua carriera

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:00
CONDIVIDI

Maurizio Battista, comico italiano, si lascia andare ad una rivelazione sulla sua malattia. Scopriamo insieme cos’ha l’attore.

Maurizio Battista
Maurizio Battista

Maurizio Battista, ultimamente, l’abbiamo visto un po’ debilitato a causa di un ricovero per un problema al pancreas, come ha dichiarato lui “me la sono vista brutta”, ma nonostante ciò ha sconfitto anche questa battaglia. Questo problema ha impedito al comico di esibirsi con il suo spettacolo di cabaret dal titolo “Una serata al drive in 2“. Oggi sarà più in forma che mai nei panni di Angelo, un disoccupato senza soldi che è costretto a commettere reati pur di sopravvivere, preso e portato in cella dove conoscerà il suo partner in crime interpretato da Enzo Salvi, tutto questo nel film “Una cella in due” in onda oggi alle 15.20 su Cine34. Ma capiamo la malattia che ha bloccato la carriera dell’attore.

LEGGI ANCHE —> Maurizio Battista, fan preoccupatissimi per lui: un grande paura

Maurizio Battista, il racconto della malattia e quell’abbandono

Maurizio Battista
Maurizio Battista

Maurizio, comico, attore, conduttore e regista teatrale italiano si è lasciato andare ad un racconto molto intimo della sua vita: la malattia con cui convive da anni. Nel 2018 l’abbiamo visto nella casa del Grande Fratello, ma poi siamo stati colti da un’improvvisa uscita dell’attore, come mai? Svelato il mistero. Uscito dalla Casa ha spiegato a tutti di soffrire di acufene e la tensione e l’ansia hanno ingigantito questo problema. Questa malattia ed anche la mancanza di tutti gli affetti hanno portato Battista a prendere la drastica decisione di uscire dal GF. Maurizio è un uomo che dà giusta importanza alle cose, infatti ha dichiarato “gli affetti valgono più che stare lì dentro“.

LEGGI ANCHE —> Maurizio Battista, il dramma di sua figlia Anna: paura enorme per lei

Non ha mai detto di essersi pentito di quella scelta, ai suoi occhi è stata la cosa più giusta da fare. La salute prima di tutto. Noi non possiamo far altro che augurare a Maurizio che la sua malattia non esploda nuovamente e che lo faccia vivere sereno.