Home News Rocco Siffredi, la confessione del figlio spiazza tutti: ecco come lo ha...

Rocco Siffredi, la confessione del figlio spiazza tutti: ecco come lo ha scoperto

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:43

Leonardo Tano ha fatto una confessione davvero particolare su come ha scoperto della professione del papà Rocco Siffredi.

Leonardo Tano (fonte: Getty images)

Leonardo Tano è il figlio, oggi ventunenne, del famosissimo attore di film per adulti Rocco Siffredi. Il ragazzo era stato invitato da Alfonso Signorini a partecipare al noto reality del Grande Fratello, ma aveva rifiutato.

Un po’ di tempo fa, però, gli aveva fatto una confessione che fa sorridere riguardo il suo passato e il modo in cui ha scoperto quale fosse il lavoro del padre, e anche della madre, Rosza Tassi che all’epoca faceva lo stesso lavoro del marito.

LEGGI ANCHE -> Francesco Chiofalo riguardo all’ex Selvaggia Roma “ha detto una bugia”

Leonardo Tano (fonte: Instagram)

Nel corso dell’intervista Leonardo Tano ha dichiarato di essersi trovato a Budapest, con il fratello, in camera insieme, mentre i genitori si trovavano all’estero. I due ragazzi trovarono una cassetta dal titolo “Tarzan” e pensando che fosse un cartone la iniziarono a guardare.

Ovviamente scoprirono subito che non era affatto un cartone, ma un film in cui recitavano i genitori!

LEGGI ANCHE -> Kate Winslet riguardo a Divergent, il rifiuto dell’attrice

Un modo davvero bizzarro di scoprire la professione del padre, che tra l’altro per lui non è mai stata un problema. Nel corso dell’intervista ha ammesso che tutti i suoi compagni conoscessero la carriera di Rocco, ma che se qualcuno faceva delle battute, lui reagiva ridendo.

Fino a poco tempo fa anche lui stava considerando l’idea di seguire le orme dei genitori, ma poi si è appassionato a tutt’altro: i motori.

Studia ingegneria meccanica e macchine e motori adesso sono la sua vita e la sua ambizione futura. Ha inoltre dichiarato di avere oggi un rapporto molto adulto col padre.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Leonardo Tano (@leonardotano)