Home Storie Riccardo Scamarcio, quella malattia che l’ha devastato

Riccardo Scamarcio, quella malattia che l’ha devastato

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:07
CONDIVIDI

Riccardo Scamarcio racconta il grande vuoto provocato da una perdita importante nella sua vita. Scopriamo insieme cos’è successo.

Riccardo Scamarcio
Riccardo Scamarcio (Fonte: Getty Images)

Stasera in prima serata Tv sul Rai Movie andrà in onda il film “Euforia“, diretto da Valeria Golino ed interpretato da: Riccardo Scamarcio, Valerio Mastandrea e Isabella Ferrari. In questa pellicola il protagonista (Scamarcio) si trova ad affrontare una terribile malattia del fratello. Quest’ultimo gli confessa di avere un cancro al cervello. Ma il messaggio che ci vuole far arrivare la Golino è di trovare sempre qualcosa che, anche solo per un istante, ci dia ancora euforia, smania di vivere. Ma ecco catapultata questa vicenda nella sua vita reale. Cos’è successo?

LEGGI ANCHE —> Riccardo Scamarcio, prima passeggiata con la figlia: svelato il nome

Riccardo Scamarcio: “Vado avanti nonostante tutto”

Riccardo Scamarcio

L’attore tranese ha subito un grave colpo nella sua vita, la morte del padre Emilio. Quest’ultimo aveva lottato per molto tempo contro una brutta malattia, ma ecco che le forze dell’uomo sono venute a mancare ed abbiamo così assistito al tragico epilogo. Scamarcio non si è voluto sbilanciare nel racconto, un dolore troppo grande per spiegarlo a parole. Inoltre ha confessato che come nel film Euforia così nella vita bisogna reagire a qualunque cosa che accada, bisogna avere sempre voglia di vivere, nonostante adesso porti con sé un vuoto che nessuno potrà mai colmare.

LEGGI ANCHE —> Riccardo Scamarcio, lite furibonda sul set: la situazione è pesante

Valeria Golino e Riccardo, nonostante i due si siano lasciati da tempo, continuano a coltivare un bel rapporto. Infatti nel film di questa sera è stata lei stessa a dirigere l’attore. Un grave lutto per Scamarcio, un grave lutto per la Fidelis Andria, di cui il padre ne era un gran tifoso. Tutti noi rivolgiamo un grande abbraccio a Riccardo e al padre che ormai ci guarda dall’alto.