Home Musica Laura Pausini contro Maradona: “Accade solo in Italia”

Laura Pausini contro Maradona: “Accade solo in Italia”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:12
CONDIVIDI

Laura Pausini ha preso posizione in maniera molto forte riguardo ai milioni di saluti per la morte di Maradona, che ha fatto notizie.

laura pausini maradona
Laura Pausini e Maradona

E’ una Laura Pausini controcorrente quella che ha avuto modo di esprimere tutto il suo dissenso riguardo al fatto che, nella giornata di ieri, dal pomeriggio in poi si è celebrata maggiormente la morte di Diego Armando Maradona, venuto a mancare all’improvviso, piuttosto che la giornata mondiale contro la violenza sulle donne.

Se, infatti, milioni e milioni di persone in tutto il mondo hanno reso omaggio allo straordinario campione argentino, la cantante romagnola ha voluto ricordare che, purtroppo, ieri era un giorno fondamentale e speciale per l’universo femminile.

Ecco il suo commento a riguardo: la cantante di fama internazionale va controcorrente e mostra a tutti la sua posizione che ha fatto subito discutere.

LEGGI ANCHE -> Laura Pausini, dolci parole per sua figlia: fan commossi

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Laura Pausini Official (@laurapausini)

Laura Pausini, la presa di posizione su Maradona

Maradona
Maradona (Fonte: Getty Images)

Ecco il commento a riguardo di Laura Pausini che, pur celebrando Maradona come uno straordinario calciatore che ha fatto la storia del calcio, ha anche sottolineato che, dal punto di vista umano, secondo la sua opinione, non è stato di certo bravo e fenomenale quanto lo era in campo.

LEGGI ANCHE -> Elettra Lamborghini, scelta radicale? Uno sconvolgente progetto

laura pausini commento maradona
Laura Pausini ed il commento su Maradona

Insomma, queste sue parole sono subito diventate virali ed hanno attirato, da una parte, tantissimi sostenitori della sua posizione ma, dall’altra, anche tantissimi fan ed appassionati di calcio che hanno condannato le sue parole dal momento che, secondo la loro opinione, lui è e rimarrà molto più di un semplice giocatore di calcio, ma una vera e propria leggenda che ha fatto la storia di Napoli intesa come città, ancor prima che come club di calcio.