Home Personaggi Elena Sofia Ricci premio Nobel: “Ecco come ho fatto”

Elena Sofia Ricci premio Nobel: “Ecco come ho fatto”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:20
CONDIVIDI

Elena Sofia Ricci ci racconta quel giorno in cui diventò un premio Nobel. La commozione dei fan è stata tanta.

Elena Sofia Ricci, stasera indosserà i panni della neurologa, vincitrice del Premio Nobel per la Medicina, Rita Levi Montalcini. Su Rai 1 in prima serata il film dedicato alla grandissima scienziata. Gli anni dedicati alla storia sono proprio gli anni del Nobel, vinto nel 1986, ma con tanti flashback rivivremo anche la sua infanzia, la vita da studentessa e le leggi razziali. Con tanto rispetto vedremo immergere tutto il corpo della bravissima attrice all’interno di una grande donna. Scopriamo di più su questo personaggio.

LEGGI ANCHE —> Pino Quartullo, ex compagno di Elena Sofia Ricci: “C’è stato un tradimento?”

Elena Sofia Ricci: “Rita Levi-Montalcini, un esempio per i ragazzi”

Elena Sofia Ricci

L’attrice ci dice quanto sia stato complicato interpretare questo ruolo. Una grande responsabilità per Elena. Ma quando ha visto, nonostante le mascherine, gli occhi lucidi del pubblico e quando ha sentito gli applausi, dichiara di essersi emozionata tanto ed aver avvertito il reale amore che tutti hanno verso questa donna. Ci racconta la Ricci che è una donna con una forte propensione verso i giovani, appassionata del suo lavoro non conosceva orari. Elena ha dichiarato di aver voluto fortemente far parte di questo progetto, grazie alla sua storia molto complessa e all’amore che le era nato leggendo i suoi libri, pensava fosse una bellissima sfida. Quando anni dopo le è arrivata la proposta l’ha presa come un vero segno del destino. Un piccolo segreto l’attrice ci svela su Rita Levi-Montalcini.

LEGGI ANCHE —> La Ricci, paura sul set: “Adesso è dura continuare”

La scienziata passava tutto il suo tempo e studiare, nella camera solo un materasso per dormire, cd di musica e un microscopio, ma ecco che un piccolo dettaglio scorge Elena. Sul muro erano appiccicati con lo scotch dei fogliettini con frasi scritte, tra questi si scorge la frase del filosofo tedesco Kant “Sapere aude!”, “Osa conoscere, osa sapere!”. Conclude Elena Sofia Ricci dicendo che questo è stato uno dei personaggi più difficili, ma la prima cosa quanto ti immergi in un personaggio esistito realmente è il rispetto.