Home Storie Giorgio Panariello, il ricordo è una tragedia: “Non l’ho conosciuto”

Giorgio Panariello, il ricordo è una tragedia: “Non l’ho conosciuto”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:04
CONDIVIDI

Giorgio Panariello ha avuto davvero un passato difficile e complicato. E c’è un ricordo che per lui è davvero molto doloroso.

giorgio panariello

Giorgio Panariello è senza alcun dubbio uno degli artisti più amati dal grande pubblico. Recentemente lo si è ammirato a ‘Tale e quale show’ e oggi tornerà sul piccolo schermo con il film ‘Sharm el Sheikh – Un’estate indimenticabile’, in onda su Cine34. Il toscano però ha colpito tutti con il libro dedicato al suo fratello scomparso, intitolato ‘Io sono mio fratello’. Un titolo che fa capire tante cose, in primis le difficoltà che ha vissuto il conduttore nel passato. Vicende che ha raccontato in una puntata di qualche domenica fa di ‘Domenica In‘. Ma c’è un ricordo che per lui è  davvero doloroso. Di che cosa si tratta?

LEGGI ANCHE -> Giorgio Panariello, quella morte gli ha cambiato la vita per sempre

Giorgio Panariello confessa: “Non l’ho mai conosciuto”

Giorgio Panariello Tale e Quale

Il 60enne, che ha passato dei giorni molto difficili e complicati, non ha mai comunque nascosto le problematiche della sua vita familiare. L’aspetto che gli fa più male, oltra alla già citata scomparsa prematura del fratello, è senza alcun dubbio il fatto di non aver mai conosciuto suo padre. A quest’ultimo il  buon Giorgio ha persino dedicato un monologo, recitato, non senza commozione e difficoltà, nel corso dello spettacolo teatrale con Leonardo Pieraccioni e Carlo Conti.

LEGGI ANCHE -> Malattia Giorgio Panariello, un dolore che si porta ancora dentro

Siamo una bella coppia io e te, io non so chi sei, e tu non sai neppure che io esisto“, queste sono senza alcun dubbio le parole più forti e toccanti del suddetto monologo. Panariello ha più volte ammesso e confessato di aver sofferto tanto per tutto questo, soprattutto da bambino. Le prese in giro erano davvero tante, ma lui ha sempre cercato di difendersi come poteva. Fondamentale per lui è stato l’amore dei nonni, che l’hanno cresciuto e a cui l’attore deve sicuramente tanto. E queste non smette mai di dirlo e di ricordarlo. Una pagina toccante della sua vita che l’ha inevitabilmente temprato e formato.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da GIORGIO PANARIELLO (@giorgiopanarielloreal)