Home Storie Malattia Giorgio Panariello, un dolore che si porta ancora dentro

Malattia Giorgio Panariello, un dolore che si porta ancora dentro

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:13
CONDIVIDI

Giorgio Panariello ha dovuto affrontare anche la malattia, dimostrandosi uomo forte e con una voglia incredibile di vivere. Ecco cosa gli è successo.

Giorgio Panariello Tale e Quale
Giorgio Panariello

L’attore, comico e presentatore italiano sarà protagonista oggi, 1 novembre 2020, su Rai 1 perché ospite dello studio di Domenica In da Mara Venier. Sarà interessante vedere cosa racconterà, ma di certo il pubblico ha grande curiosità di cosa racconterà. Tra queste cose c’è da raccontare anche quando ha scoperto di avere una malattia. Un racconto doloroso, che però ora Giorgio si è lasciato alle spalle dimostrando di avere forza e di aver voltato pagina dopo un periodo comunque duro e impossibile da dimenticare. Vedremo se uscirà fuori oggi in televisione.

Leggi anche —> Il lutto per Giorgio

Malattia Giorgio Panariello, ecco cosa gli è successo

Panariello Conti Pieraccioni
Panariello Conti Pieraccioni

Giorgio Panariello ha parlato della sua malattia come riportato da DonnaPop.it: “Ho iniziato a soffrire dei dolori veramente lancinanti dal collo in giù. Inizialmente avevo pensato a un po’ di stress. Era invece un’infezione alla colonna vertebrale. Ho inizialmente pensato che si trattasse di tensioni emotive che ho accumulato. Lo stress per le preoccupazioni di misurarmi con un testo di prosa importante che si sarà scaricato sulla schiena.”

Leggi anche —> Ecco chi è la sua fidanzata giovanissima

Il racconto però viene fuori quando c’è la diagnosi: “Mi venne diagnosticata una spondilite cioè un’infiammazione della colonna vertebrale, una cosa invece seria. Se di notte non riposavo su un letto con le doghe di legno era per me una sofferenza. In certi momenti, quando il dolore era diventato insopportabile e dovevo entrare in scena, mi hanno aiutato gli antinfiammatori. Iniziai così la terapia con quotidiani esercizi di stretching per allungare la schiena, flessioni addominali, pedalate sulla ciclette e massaggi da un esperto. oggi le cose vanno meglio ma continuo ad andare dal fisioterapista che mi mette a nuovo”. Anche da questi particolari si vede la grandezza dell’uomo che ha raccontato le sue difficoltà lasciando un messaggio anche alle persone che come lui hanno avuto dei problemi del genere.