Home Cinema Alessandro Gassmann, “Sono entrato in cura”: all’ospedale

Alessandro Gassmann, “Sono entrato in cura”: all’ospedale

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:07
CONDIVIDI

Alessandro Gassmann ha recentemente fatto una confessione che ha fatto preoccupare tutti i suoi fan. Queste le sue parole.

Alessandro Gassmann

Alessandro Gassmann è senza alcun dubbio uno degli attori simboli e cardine del mondo del cinema italiano. Tutto è legato al suo essere figlio d’arte, essendo il figlio di Vittorio di Gassmann, uno dei più grandi attori. Oggi il romano sarà ospite in quel di ‘Domenica In’, il salotto domenicale di Mara Venier, che andrà in onda su Rai Uno. E chissà se si parlerà di una sua confessione che ha davvero toccato e preoccupato tutti i suoi fan. Ma di che cosa si tratta?

LEGGI ANCHE -> Leo Gassmann figlio Alessandro Gassmann, non è la sua unica gioia

Alessandra Gassmann fa preoccupare i fan: ecco la sua confessione

alessandro gassmann

Il buon Alessandro ha deciso di aprirsi e di parlare di quello che è il problema di cui soffre ormai da parecchi anni. Le sue parole ha senza alcun dubbio colpito e stupito tutti: “Sono entrato in cura. La prima volta mi è successo nel 2002, mentre ero a letto, all’improvviso l’ansia sale, un sudore freddo, il cuore che batte forte… un attacco di panico“. L’uomo ha quindi parlato della sua lunga battaglia, mostrando una sua fragilità da sempre nascosta.

LEGGI ANCHE -> Alessandro Gassmann polemico sui social: “Sicuri che funzionino”

Un problema che ha affrontato con grande coraggio e grazie anche alla vicinanza di sua moglie Sabrina. Ora Gassmann ne parla senza difficoltà e senza usare troppi giri di parole. Non vi è alcun dubbio sul fatto che questo accadrà anche oggi durante il pomeriggio di Rai Uno. Non resta che attendere quale saranno le sue parole. I suoi fan sono preoccupati per lui, ma ora sembra che, con il passare del tempo, il suo stato di salute sia notevolmente migliorato. E questo non può che far piacere a chi lo ama e lo segue da tanto tempo con grande affetto e stima.