Home Televisione Giancarlo Magalli a I Fatti Vostri: “Ho il dolore negli occhi”

Giancarlo Magalli a I Fatti Vostri: “Ho il dolore negli occhi”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:00
CONDIVIDI

Giancarlo Magalli a I Fatti Vostri, non ha saputo trattenere l’emozione: “Abbiamo il dolore negli occhi” ha confessato.

Magalli I Fatti Vostri
Giancarlo Magalli

Giancarlo Magalli, a I Fatti Vostri, ha voluto confessare il suo dolore immenso per una tragedia che ha coinvolto un ragazzo e una famiglia innocente.

Il conduttore ha ospitato nello studio, in collegamento, Marina Conte e Valerio Vannini, genitori di Marco che è stato ucciso in casa Ciontoli nel 2015, quando aveva solo 21 anni.

Magalli, come di consueto, a fine trasmissione ha trattato un caso di cronaca spinoso, che ha visto recentemente una conclusione. Infatti l’uomo che sparò con la sua arma a Marco è stato condannato a 14 anni per omicidio volontario, mentre i due figli e la moglie a 9 anni per concorso anomalo in omicidio volontario.

LEGGI ANCHE -> Giancarlo Magalli, la confessione inattesa a I Fatti Vostri

Magalli a I Fatti Vostri: “Il dolore di una madre ce l’abbiamo negli occhi”

Magalli I Fatti Vostri
Giancarlo Magalli

Il conduttore ha sottolineato il merito dei genitori del ragazzo, ma soprattutto del coraggio della madre, che non ha mai smesso di lottare perché fosse fatta giustizia: “Il dolore della signora Marina ce lo abbiamo ancora tutti negli occhi così come la sua rabbia, la sua caparbietà” ha esordito Magalli, presentando i suoi ospiti.

Nello studio de I Fatti Vostri si è parlato del fatto che ci siano voluti 5 anni e molteplici sforzi perché alla fine fosse fatta giustizia per Marco, ucciso ingiustamente.

LEGGI ANCHE -> Adriana Volpe torna all’attacco contro Giancarlo Magalli

Sua madre ha confessato a Magalli: “Non ero presente in aula perché avevo molta paura che non andasse come speravo” e il conduttore le ha mostrato tutto il suo sostegno per la sua decisione. Nessuno potrà riportare indietro il ragazzo ma, almeno, i suoi assassini sono stati riconosciuti come colpevoli di un atto gravissimo.