Home Televisione Mara Venier è stata derubata? Paura per la conduttrice

Mara Venier è stata derubata? Paura per la conduttrice

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:34
CONDIVIDI

Mara Venier, su Instagram il messaggio allarmato ai suoi follower: qualcuno sta usando la sua identità sul web.

Mara Venier Instagram
Mara Venier

Mara Venier ha pubblicato su Instagram, tramite storie, alcune immagini che hanno allarmato lei e i suoi follower. La donna è venura a conoscenza di un fatto che l’ha fatta preoccupare: qualcuno sta usando la sua identità sui social.

Purtroppo non è una novità e diversi vip sono costretti spesso ad intervenire perché alcune persone creano dei profili fake con i loro nomi e le loro foto. Capita, a volte, che cerchino così anche di diffondere truffe e raccolte di fondi finte per spillare soldi ai loro fan.

Ecco che cos’è successo a Mara Venier, che ha raccontato il msfatto su Instagram.

LEGGI ANCHE -> Domenica In, gelo in studio: Mara Venier l’ha fatta grossa

Mara Venier derubata? Il messaggio su Instagram è preoccupante

Mara Venier Instagram
Mara Venier

La conduttrice ha mostrato su Instagram le foto di un profilo creato su Facebook con il suo nome che conta più di 80.000 seguaci. Molti utenti pensano che sia il suo profilo personale e qualcuno glielo ha segnalato.

Il vero problema è che su questa pagina appaiono anche alcuni post di natura politica e polemica, dai quali la Venier ha preso le distanza. Mara ha chiesto, infatti, di segnalare tale profilo a Facebook perché venga rimosso.

LEGGI ANCHE -> Mara Venier svela su Instagram un bacio segreto

La donna ha ripreso, con grande successo, le puntate di Domenica In, che hanno fatto subito il pieno di ascolti. Alcune indiscrezioni parlano di un nuovo programma in arrivo per lei: sarebba la candidata principale alla conduzione dello Zecchino d’oro. Lo storico show dedicato ai bambini dovrebbe iniziare alla fine di ottobre, ma non è ancora certo se sarà proprio la Venier a condurlo.; inizialmente si era parlato di Lorella Cuccarini o dei due youtuber Me contro te.